Limoni, arance, cedri: una bella famiglia tutta da far crescere in salute

Conosci la terra dove i limoni mettono il fiore, le arance d’oro splendono tra le foglie scure… Il grande Goethe si riferiva al nostro Sud ma gli agrumi si sviluppano in tutto il bacino del Mediterraneo, che va dal medio Oriente alla Sicilia e da qui sale fino alle rive del lago di Garda.

Gli agrumi sono piante sempreverdi. La loro altezza varia dai 2 ai 5 metri a seconda della varietà e specie. Sono coltivati oltre che per i frutti anche come piante ornamentali per la bellezza dei fiori. Se gli alberi si sviluppano troppo e si desidera che siano meno ingombranti possiamo ricorrere a una drastica potatura accorciando, in primavera, la chioma che si riformerà dopo un anno, perdendo però la produzione fruttifera.


I piccoli alberi coltivati in vaso necessitano di una potatura annuale specialmente se la vegetazione è stentata; occorre svasarli per sostituire il terreno potando anche l’apparato radicale.

Le arance sono, tra gli agrumi, i più apprezzati. Si coltivano soprattutto in Sicilia e in altre regioni del sud Italia. Gli aranceti danno frutti in abbondanza con varietà a polpa bionda e a polpa rossa.  Le qualità più rinomate sono: i Tarocchi, i Sanguinelli, l’Ovale calabrese, Biondo di Tursi, Belladonna, Moro, Nucellari, Valencia.

 

Terriccio per agrumi

Le piante di agrumi necessitano di un terreno fertile leggero, ben drenato, poco calcareo e lievemente acido. Prediligono una posizione luminosa e arieggiata, ma attenzione alle correnti.

Come coltivare gli agrumi

Il clima ideale è quello temperato caldo, con temperature medie di 22 gradi in estate e non inferiori ai 10 gradi d’inverno. Non sono, quindi, adatte a essere coltivate in zone dove gli inverni sono piuttosto rigidi. In questo caso è possibile effettuare la coltivazione in vaso, collocandolo all’aperto d’estate e , in inverno, in ambiente protetto (possibilmente riscaldato).

L’impianto in terreno si effettua in autunno o primavera. La terra va concimata con letame e fertilizzante a base di azoto, fosforo e potassio.

S e non si abita in una zona adatta, a causa delle basse temperature invernali, gli agrumi possono essere coltivati e cresciuti in un grande vaso che, durante l’inverno, va trasportato in una zona protetta (anche al chiuso) dove riceva luce e periodiche annaffiature.

Come potare gli agrumi

Gli agrumi non sopportano potature eccessive. Per mantenere un’ impalcatura vigorosa, ben equilibrata e arieggiata, conviene eliminare (tra marzo e aprile) i “succhioni” (rami molto vigorosi, ma non fruttiferi, che assorbono inutilmente la linfa) e togliere i rami secchi e malati, per avere una pianta rigogliosa.

Come difendere gli agrumi

Per proteggere gli agrumi dagli sbalzi di temperatura nelle regioni a clima freddo è consigliabile coprirli con tessuto non tessuto specifico, che a differenza della plastica permette alla pianta di respirare.

Gli agrumi necessitano di sostanze nutritive di origine organica e di un giusto equilibrato apporto di minerali, soprattutto azoto, fosforo e potassio specifici a cessione programmata.

I granuli di cui è composto formano una riserva di elementi nutritivi in prossimità delle radici. Per l’impianto va mescolato alla terra di riempimento, per gli interventi di copertura va sparso intorno all’albero. Le dosi di impiego sono indicate sulla confezione.

osmocote

Agrumi | Coltivazione, potatura e terriccio ultima modifica: 2017-07-11T10:28:12+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata