Meno problematiche delle galline, producono molte uova e si rivelano pure animali simpatici e molto… allegri! Ecco tutto ciò che bisogna sapere per allevare anatre

Allevare anatre è un’attività che riserva grandissime emozioni… L’anatra domestica contende alla gallina la leadership di produzione di uova in quanto, pur producendone mediamente di meno, sono più grosse e hanno un potere nutrizionale maggiore.

Caratteristiche

L’anatra è un animale quieto che non razzola e quindi non danneggia il giardino, ma ripulisce il terreno da larve, insetti, chiocciole, lumache, in quanto è instancabile nella ricerca del cibo. Allevare anatre non è complesso in quanto, in generale, l’anatra è poco sensibile alle intemperie, al freddo e non è esigente in fatto di ricoveri. Basta un riparo e della paglia.


Malattie delle anatre

L’elevata rusticità la rende soggetta a poche malattie (in generale soltanto due: colera e polmonite).

La corretta Alimentazione delle anatre

È poco esigente in fatto di alimentazione: per allevare anatre efficacemente sono sufficienti un unico pasto al mattino e pochi grani alla sera, quando è in libertà. Per la voracità di questi palmipedi, possono servire egregiamente anche residui e scarti di cucina. Inoltre, la loro crescita è molto rapida (60 grammi la settimana). La grande voracità delle anatre porta questi animali a mangiare un po’di tutto. In generale, comunque, conviene fornire loro un alimento a base di granaglie ricco di proteine, ceneri, grassi, calcio e fosforo. L’alimentazione degli anatroccoli, in particolare, è a base di mangime specifico (si trova nei consorzi agrari) somministrato con generosità. L’alimentazione può essere arricchita con verdure fresche, semola o pastone. La dieta può essere integrata con avanzi di cucina (pasta, resti di verdura ecc) e intrisa (pastone) a base di semola o zuppa con pane secco. Evitare di lasciare le mangiatoie piene in quanto attraggono topi e altri roditori e ricordarsi di chiudere la porta del ricovero con tutte le anatre dentro durante la notte per evitare l’intrusione di predatori.

alimentazione anatre

 

Come allevare anatre

Per creare un piccolo allevamento di anatre conviene comprare gli anatroccoli di una settimana presso un rivenditore specializzato. Gli anatroccoli vanno sistemati subito nel ricovero che abbiamo predisposto: basta una lettiera di segatura e paglia ai cui margini inseriamo abbeveratoi e mangiatoie. Inizialmente dobbiamo garantire una temperatura di almeno 30 ºC, fino a quando gli anatroccoli arrivano al mese di vita. Allo scopo possiamo utilizzare una lampada o altro sistema di riscaldamento sicuro. L’anatroccolo è poco freddoloso e non abbisogna del calore materno già dopo 15 giorni in estate e 1 mese in inverno.

Se notiamo che gli anatroccoli stanno sempre raggruppati significa che la temperatura non è sufficiente
. Dopo tre settimane possiamo trasferire gli animali in un recinto con ricovero annesso dove rimarranno per una decina di giorni affinché possano ambientarsi. Durante il giorno le anatre devono essere liberate per poter pascolare e alimentarsi di erbe, verdure, semi, insetti, vermi, frutta caduta dagli alberi.

anatroccoli

ricovero per anatre

  1. Il ricovero per anatre in deposizione deve essere dimensionato adeguatamente. Il pavimento deve essere asciutto e realizzato utilizzando paglia pulita componendo, inizialmente, uno strato non inferiore a 10–15 cm. Il ricovero deve essere protetto dalle correnti d’aria e quindi si consiglia che tre pareti siano realizzate in materiale pieno mentre la quarta, quella esposta a sud e protetta dai venti, può essere attrezzata con finestre a vasistas. Il ricovero deve essere attrezzato con mangiatoie, abbeveratoi e una rastrelliera necessaria anche se gli animali hanno sempre libero accesso al pascolo. Devono inoltre essere presenti dei nidi per la deposizione delle uova in misura di un nido per tre anatre. È anche possibile realizzare il nido ammassando paglia a un angolo dei ricovero, il più buio.
  2. Ricovero Bartok 1 per galline (sopra) e anatre (sotto). Terenziani (www.terenziani.it)

Le uova di anatra

Allevare anatre per produrre uova è suciramente un’ottima idea. Le anatre utilizzate per la produzione di uova richiederanno un contenuto proteico più alto (circa il 15% e può provenire da avena cruda, ma per non più di un quarto della dieta) rispetto alle altre. Le anatre che depongono uova hanno anche bisogno di maggiore contenuto di calcio che si può aggiungere alla loro alimentazione. Le uova di anatra hanno le stesse caratteristiche delle più comuni uova di gallina, ma sono più proteiche e anche più caloriche poiché contengono minori quantità di acqua. Sono più ricche di sostante azotate e di grassi poiché hanno un tuorlo più grande dell’albume. Anche le dimensioni sono maggiori, in media un uovo di anatra pesa dai 60 agli 80 grammi, mentre quelle di gallina non superano i 60 grammi. Il guscio può assumere diverse colorazioni e può andare dall’azzurro al verde fino al bianco con striature scure o verdi a seconda della razza di anatra. In foto: confronto tra uova d’anatra, gallina e quaglia.

uova di anatra

 

Anatra razza da uova e da carne

anatra ovaiolaLa razza ovaiola per eccellenza è la Khaki Campbell che può deporre fino 250 uova l’anno. Sono state selezionate diverse razze frutto dell’incrocio di quest’ultima con altre specie come la White Campbell e la Dark Campbell. Nota per le sue capacità di deposizione è anche la razza Corritrice Indiana che arriva fino a 200 uova l’anno. La Abacot Ranger, la Welsh Harlequin e la Orpington arrivano anch’esse alla soglia delle 200 uova all’anno. Molto apprezzata è anche l’anatra domestica che spesso supera le galline ovaiole nel numero di uova deposte. Le razze Pekin, Muscovy, Rouen o Aylesbury sono ideali per la produzione di carne. Crescono rapidamente e producono carne saporita. Le Pekin sono pronte già a 7 settimane e forniscono carne ad alta resa e hanno un piumaggio bianco. Depongono anche un numero discreto di uova durante l’anno. Le Muscovy producono una gustosa carne, ma producono poche uova. Le Rouen producono buona carne, ma ci vogliono 12-15 settimane perché siano pronte.

Stagno per anatre

La presenza di uno stagno o laghetto è assolutamente positiva, ma non indispensabile. Le anatre domestiche non hanno bisogno di grandi stagni o laghi, ma è sufficiente una piccola vasca dove possano immergere la testa. Non hanno condotti lacrimali e utilizzano quest’acqua per inumidire e pulire gli occhi. Si può utilizzare una piscina per bambini piccoli o una qualunque vasca di plastica per contenere l’acqua. Le vaschette di plastica sono effettivamente migliori per le anatre, perché l’acqua può essere sostituita facilmente, mantenendola pulita da fango e piume.

anatre

1,2,3,4 L’acqua è l’elemento naturale per l’anatra, per cui, ove possibile, è bene organizzare un laghetto o una vasca. Bisogna porre particolare attenzione, nel caso in cui le anatre convivano con le galline, al fatto che le prime utilizzano l’acqua anche per defecare. Ciò potrebbe avere conseguenze negative per la salute delle galline che devono disporre di acqua pulita per bere. Casette sopraelevate, come piccole palafitte, con piani inclinati di accesso, sono estremamente gradite alle anatre.

Cose importanti da sapere per allevare anatre

È bene predisporre una fonte di acqua potabile vicino alle zone d’alimentazione. È d’aiuto sollevarla da terra per evitare che sia sempre piena di fango. Le anatre non hanno bisogno di posatoi, ma la via d’accesso al ricovero dovrebbe essere più ampia possibile per ospitare l’intero gruppo che entra insieme. È importante che questo settore sia tenuto ben ventilato. Per ogni anatra adulta, la superficie di pascolo a disposizione deve essere di almeno 20 mq e quando sono rinchiuse si raccomanda non eccedere di 2-3 anatre per ogni mq di gabbia o recinto. Le anatre potrebbero essere spaventate dalle luci di notte per cui è bene disporre le aperture lontane dalla luna o dalle luci. A terra si dispone uno strato di paglia pulita come giaciglio che va cambiato regolarmente per tenerlo pulito. Per un’agevole raccolta delle uova è bene predisporre dei nidi.

anatra che vola

Occhio che volano!

A differenza delle galline le anatre adulte sono in grado di volare e se non vogliamo vederle fuggire dobbiamo effettuare una spuntatura delle penne remiganti primarie su una delle ali. Per questa operazione utilizziamo buon paio di forbici, distendendo l’ala dell’animale e tagliando le 8 penne più esterne a metà della loro lunghezza, prima delle copritrici primarie.

Allevare anatre | Guida approfondita ultima modifica: 2016-04-13T16:40:12+00:00 da francesco poggi

Post correlati

8 Risposte

  1. Martinelli Marco

    Penso che siate stati il sito più esaustivo in fatto di allevamento di anatre!! Grazie!!

     
    Rispondi
  2. angelo

    Buongiorno, innanzitutto complimenti per il sito. Avrei un paio di domande da porvi.
    Volevo sapere se è normale che la mia anatra germanata veneta stia covando in questo periodo.
    Le mie anatre , un maschio e una femmina, vivono libere in giardino, dove hanno a disposizione un piccolo pollaio da giardino ma che non hanno mai usato e preferiscono stare a riposare sotto i cespugli, dove si sono costruite il nido e dove sta covando. Posso, per evitare continue covate, anche perchè non poteri tenere tutti gli anatroccoli e non voglio nemmeno che finiscano in padella, togliere le uova dal nido?

     
    Rispondi
    • Fai da te In Giardino

      Buongiorno Angelo,

      Grazie per i complimenti, ci fanno sempre molto piacere. Il periodo di cova dell’anatra germanata è corretto. La scelta di riposare sotto i cespugli è assolutamente normale, è evidente che li si sentono più a loro agio. Può procedere ad asportare qualche uovo, ma non tutti. Esattamente quante uova ha già fatto?

       
      Rispondi
  3. Francesco

    Bel sito. Complimenti.
    Ho il problema di alimentare le mie quattro anatre in mia assenza per periodi di quattro cinque giorni e i normali contenitori per granaglie sono un perfetto self service per topi e piccioni….
    Come posso fare e come posso difendere le uova delle anatre dai topolini?

     
    Rispondi
  4. Assu

    Buongiorno,e complimenti per il sito, avrei bisogno di capire come allevare germani reali tenendoli lontano dai predatori avendo avuto esperienze negative un anatroccolo sbranato es oggi mi è sparita anche la femmina ora ho soli il maschio che la cerca disperatamente che fare? Ringrazio se qualcuno mi può consigliare a dimenticavo vivevano liberi in un giardino e a loro disposizione una foggia grazie

     
    Rispondi
  5. Cristian

    Buongiorno complimenti per la guida davvero ottima
    Ho deciso di allevare 2 anatre per avere uova
    Ho un laghetto di circa 6 x 8 metri con piante Palustri per cui credo che per loro sia ottimo ma ho 2 domande
    Mi mangeranno le ninfee e le Piante palustri?
    Mi aiuteranno a cacciare i 20 piccioni che mi distruggono e sporcano il laghetto o lo faranno anche loro?

     
    Rispondi
  6. Claudia

    Salve. Sto realizzando un laghetto in un giardino di 300 ma è vorrei mettere qualche anatra ma ho i seguenti dubbi:
    1. Il fatto di defecare in acqua renderà il laghetto invivibile (penso a oh e sporcizia) per piante o pesci?
    2. Vorrei mettere nel laghetto delle Gambusie. Le anatre le mangerebbero?
    3. Ho già 2 cani e 2 gatti. Una convivenza potrebbe essere gestibile? Le anatre avrebbero un ricovero protetto ma durante il giorno vorrri liberarle. Forse una volta cresciute i gatti le lascerebbero stare…o no?
    Grazie e complimenti per l’ottima guida molto dettagliata
    3.

     
    Rispondi
  7. Alessio

    Grazie per la bellissima guida.
    Sto progettando un piccolo allevamento di Anatre Campbell in un angolo del giardino dando alle anatre 300mq di pascolo sotto alberi da frutta.
    Le mie perplessità sono:
    1) basta un recinto alto 1m per isolare le anatre dal resto del giardino, dove non voglio che accedano?
    2) sono una razza che creano parecchio rumore, considerando che vorrei allevare 5 femmine ed un maschio?
    Attendo speranzoso vostra risposta!!!
    Grazie

     
    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata