Piccolo e docile, il coniglio nano domestico è molto delicato e va trattato con cura ed attenzione

Tra i tanti animali domestici da compagnia “moderni”, quello che sta riscuotendo il più grosso successo è il coniglio nano.

Sarà per la taglia, sarà per i colori del pelo e per il musetto dolce, è un fatto che i conigli nani stanno spopolando nelle nostre case. Ma cosa sappiamo realmente di questo coniglietto domestico e di cosa ha bisogno?


Per questa poca conoscenza, molti conigli domestici non fanno una buona fine e molti non sono tenuti come dovrebbero essere. Vediamo quindi di conoscerli un po’ di più ed imparare come allevare conigli, quali cure somministrare, cosa mangiano e quant’altro è necessario per una sana e duratura convivenza.

I coniglietti nani sono il risultato di vari incroci fatti selezionando razze diverse di coniglio domestico.

Razze di conigli nani

Come i “cugini” più grandi, anche il coniglio nano ha le sue “razze”. Le più diffuse e note sono:

  • coniglio Nano colorato il cui peso ideale non dovrebbe superare 1,2 kg;
  • coniglio Olandese nano: molto simile al nano colorato, per quanto riguarda le dimensioni. Può essere di qualsiasi colore ma ha la metà superiore del corpo, le zampine posteriori ed il muso tratteggiati da una sorta di striscia bianca;
  • coniglio Testa di leone: il peso è leggermente superiore rispetto al nano colorato, può raggiungere anche 1,8 kg. La sua caratteristica principale è una specie di criniera (da qui il nome) sul muso;
  • coniglio Rex nano: ha un mantello corto e fitto ed in genere non supera i 2 kg;
  • coniglio Hotot (spesso erroneamente definito coniglio hot hot) questo coniglietto da compagnia è molto diffuso e spesso confuso come nani colorati ma si differenzia da quest’ultimi per la presenza di una macchia circolare nera disposta intorno agli occhi. Il peso si aggira sui 1,3 kg;
  • coniglio Ermellino domestico: è abbastanza simile al nano colorato come fattezze, l’unica differenza è il colore: si presenta infatti tutto bianco con occhi rossi (albino) o azzurri;
  • coniglio nano Ariete: la caratteristica dei conigli nani ariete  è la conformazione delle orecchie, lunghe e portate verso il basso. L’ariete nano dovrebbe pesare più di 1,5 kg. La testa e il musino sono arrotondati e a differenza dell’ariete grande ha la testa meno sporgente e più bombata. La versione a pelo lungo, è l’Ariete cachemire american fuzzy lop: Il peso è leggermente superiore a quello del nano, all’incirca sui 2 kg.

Coniglietto domestico Hotot

Come allevare conigli

Il coniglio nano allevato in casa può anche essere lasciato libero, tenendo la gabbia per conigli solo per “tana”. Se optiamo per questa soluzione dobbiamo avere una casa a prova di coniglio: fili coperti, terrazzi controllati, specialmente se con ringhiera, perché i conigli sono attratti dal vuoto.

Se invece decidiamo di tenerlo in gabbia coniglio nano dobbiamo acquistarne una compatibile con la taglia: le dimensioni consigliate per un coniglio sono: minimo 80 x 50 cm (anche se sarebbe preferibile una da 100 x 50 cm o da 100 x 100 cm). Ad ogni modo è bene far trascorrere al coniglio diverse ore in libertà.

Le gabbie in cui alloggiare il coniglio nano, anche per poche ore al giorno, devono essere molto ampie e dotate di attrezzature per mangiare e bere. In commercio possiamo trovarne di varie dimensioni e colori . La gabbia non va mai collocata all’aperto se non in una zona del giardino o terrazzo molto riparata, senza il sole diretto o correnti d’aria e possibilmente silenzioso e lontano da rumori fastidiosi.

Alimentazione dei conigli nani

E’ basata quasi esclusivamente sulla verdura, insieme ad una percentuale di fieno.

Un alimento complementare è il pellet, che può essere dato a vita, ma è molto importante nel periodo della crescita.  Non deve contenere assolutamente cereali, in quanto difficili per i conigli da digerire, possono fermentare nello stomaco causando blocchi intestinali. Altra cosa importante è che abbia un alto contenuto di fibre, sempre dal 20% in su.

Il fieno deve essere acquistato verde e non sbriciolato ma soprattutto non deve mai mancare nell’alimentazione del coniglio.

La verdura deve essere ben lavata, asciugata e non fredda di frigorifero. I conigli possono mangiare diversi tipi di verdura ed è bene che abbiano un’alimentazione varia, fornendone giornalmente diversi tipi. In genere un coniglio nano dovrebbe mangiare all’incirca 300 g di verdura per ogni kg di peso.

Cibi da evitare assolutamente

Evitiamo di dare prezzemolo, patate, legumi, aglio e cipolla perchè al coniglietto nano fanno male.

La verdura va somministrata una volta al giorno o più preferibilmente dividendo la razione in due. E’ quasi superfluo ricordare che ai conigli non vanno dati prodotti con cereali, snack con zuccheri, biscotti e prodotti da forno in generale, vietate le fette biscottate, il pane, grissini e derivati e niente dolci.

Particolare attenzione va posta affinché non mangino piante e arbusti non conosciuti o presenti in casa, terrazzo o giardino, molte piante e fiori possono essere letali.

I conigli sono animali totalmente erbivori, quindi non somministriamo loro prodotti per cani e gatti, ma neanche quelli per criceti.

Una regola fondamentale è affidarsi ai consigli del veterinario e… al buon senso.

La lettiera

E’ molto importante che l’animale viva in un ambiente il più pulito possibile. Non usiamo mai la lettiera per gatti perché molto tossica per i nostri mini animali. E’ preferibile usare o il pellet di legno che assorbe molto o il truciolato non aromatizzato che però assorbe meno e va cambiato più spesso.

In commercio troviamo pellet di legno di marche diverse ma in alternativa possiamo usare anche il pellet per stufe, non trattato chimicamente e preferibilmente di faggio o pioppo.

Igiene generale

Ai conigli bisogna soprattutto controllare i denti che sono a crescita continua. Dobbiamo far verificare che non sia affetto da malocclusione dentale, in questo caso è bene sottoporlo a una visita dal veterinario, che ci consiglierà cosa fare.

Se non presenta patologie, un’alimentazione corretta è più che sufficiente per regolare la crescita dei denti. Anche le unghie vanno tagliate quando sono troppo lunghe. Se abbiamo qualche dubbio sul come tagliarle, rivolgiamoci al veterinario, poiché sulla parte superiore dell’unghia è presente un nervo, visibile in controluce.

Il coniglio non ha assolutamente necessità di essere bagnato, anzi gli fa male, è un animale che si pulisce da solo; possiamo, al massimo, utilizzare appositi prodotti come lo shampoo a secco per roditori. Il coniglio può essere spazzolato utilizzando una spazzola di gomma oppure una per neonati, per non ledere la pelliccia.

Vaccinazione e controlli

Il coniglio nano ha bisogno di due tipi di vaccinazioni, da ripetersi ogni 6 mesi. La prima è contro la mixomatosi e la seconda per l’enterite emorragica virale. Si tratta di malattie incurabili ed estremamente contagiose.

Queste malattie non sono trasmissibili solamente con il contatto diretto, ma anche tramite veicolo, come le zanzare, per questo le vaccinazioni vanno effettuate anche se il coniglio vive in casa.

Altre diverse patologie che si evidenziano con sintomi diversi dal normale (apatia, mancanza d’appetito, ecc.) vanno prontamente evidenziate al veterinario. In genere il decorso delle malattie di un coniglio nano è molto veloce, e la prontezza d’intervento è spesso fondamentale. Nessun tipo di patologia che affligge il coniglio può contagiare l’uomo se non la rogna, la tigna ed eventuali micosi.

Rapporto con gli altri animali

Il coniglio nano, è un animale molto territoriale e può convivere con i suoi simili, ma facciamo attenzione a non mettere insieme due femmine o due maschi. Se decidiamo di mettere insieme maschio e femmina, andranno sterilizzati entrambi.

Il coniglio nano non può convivere con furetti (il loro predatore per eccellenza), criceti, cincillà e topolini. La convivenza del coniglietto in casa è abbastanza facile con i gatti se si ambientano poco per volta: l’ideale sarebbe prenderli cuccioli entrambi. La convivenza con i porcellini d’india è da valutare perché anche in questo sia il coniglio maschio che femmina devono essere sterilizzati. Anche con il cane la convivenza è possibile ma dipende dalla mole, anche il gioco di un cane troppo vivace può essere pericolosa per il coniglietto. Per questo meglio tenerli sempre sotto controllo.

Coniglio nano domestico | Razze, comportamento e prezzo ultima modifica: 2017-10-27T15:40:02+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata