L’aneto è una pianta aromatica che si coltiva facilmente

Il profumo dell’aneto, pianta annuale, ricorda il finocchio e l’anice; si usa in aggiunta a insalate, sulle patate lessate, nelle marinate, nella salsa per i pesci, per insaporire minestre o intingoli e sulla carne alla griglia.

Questa pianta può inoltre accompagnare yogurth, panna acida e formaggi freschi.


Terreno

Privo di ristagni e in posizione soleggiata.

Come coltivare l’aneto

Si semina ad intervalli di circa un mese da marzo a luglio, così da avere una produzione costante fino alla fine dell’estate. I semi si interrano a 5 cm di profondità e, quando compaiono le piantine, occorre diradarle distanziandole di 25 cm. Bisogna innaffiare molto per non incorrere in uno sviluppo debole e stentato.

Raccolta dell’aneto

Dopo circa 8 settimane, quando la pianta ha raggiunto i 20 cm di altezza, si possono tagliare le giovani foglie di volta in volta. Prima della fioritura si possono recidere le ombrelle che contengono i semi per lasciarle seccare all’ombra; successivamente si battono per separare i semi, che vanno conservati a parte in barattoli di vetro chiusi ermeticamente.

 

Aneto | Coltivazione e raccolta ultima modifica: 2017-05-08T17:05:46+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata