fiori di zuccaDello zucchino si consumano i frutti appena formati, adatti per il consumo a crudo, cotti alla griglia o trifolati, come contorno, nei primi piatti, nelle frittate oppure ripieni. Si possono impastellare e friggere, come anche i fiori, raccolti quando sono ancora in boccio.

Lo zucchino ha un bassissimo valore calorico ed è composto per il 95% d’acqua. Contiene le vitamine A e C e i carotenoidi, che hanno un’azione antitumorale. E’ utile per combattere numerose e varie patologie; inoltre, fin dall’antichità, veniva utilizzato per favorire il sonno, rilassare la mente e rinvigorire chi si sentiva spossato. L’azione dello zucchino sulla pelle è benefica perché ne combatte l’invecchiamento, pur favorendo l’abbronzatura.
E’ originario dell’America Centro Settentrionale (Messico) ed è diffuso in tutto il mondo. In Europa, l’Italia è uno dei maggiori produttori.

TEMPI DI COLTURA
La semina va effettuata in marzo, aprile e maggio, la messa a dimora si effettua quando è svanito ogni pericolo di gelate, mentre la raccolta avviene nei mesi estivi, è scalare e si protrae per 40-60 giorni.


SEMINA O IMPIANTO
Le piante di zucchino si seminano in vasetti, due semi per ciascun vasetto, e si irrigano con acqua a temperatura ambiente. Una volta sviluppate le piantine (o se le abbiamo acquistate già pronte) si trapiantano in buche nel terreno piuttosto ampie per facilitare la raccolta dell’acqua e abbastanza distanti tra di loro, affinché le piante possano svilupparsi adeguatamente (60/90 cm per le varietà a cespo, 90/120 per quelle striscianti).
Ad attecchimento avvenuto si elimina la piantina più debole delle due presenti nel pane di terra.

TERRENO E CONCIMAZIONE
Lo zucchino necessita un clima temperato caldo e di un terreno esposto al sole, poco ventoso. Richiede terreno molto fertile, di medio impasto, ben lavorato, profondo, con buona dotazione di sostanza organica e ben drenato. Ogni 15 giorni può essere utile somministrare un fertilizzante liquido, senza però esagerare per evitare un’eccessiva crescita dell’apparato fogliare.

ANNAFFIATURE
Le piante di zucchino richiedono abbondante acqua al trapianto, poi il terreno va mantenuto costantemente umido: nei mesi più caldi, conviene annaffiare sempre nelle ore serali.

CURE PARTICOLARI
Nelle varietà rampicanti, le piante vanno cimate quando hanno 4 o 5 foglie, per favorire la formazione di getti laterali. La raccolta degli zucchini si effettua tagliandoli alla base e asportando man mano le foglie più vicine al terreno. I fiori si raccolgono al mattino e vanno consumati al più presto. Tra i parassiti animali che attaccano gli zucchini sono temibili gli afidi, che causano infestazione alle foglie facendole appassire. Tra le crittogame, l’oidio colpisce le parti verdi e determina macchie biancastre sulla pagina inferiore delle foglie.

Zucchino ultima modifica: 2013-09-09T12:24:09+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata