Alla scoperta delle bellissime piante alpine ampiamente diffuse nelle nostre montagne

Le piante alpine sono bellissime non c’è dubbio: colorano e decorano qualsiasi spazio verde. Con attenzioni specifiche  e scegliendo le giuste varietà possiamo coltivare le piante alpine anche nel nostro giardino roccioso.

Elenco delle piante alpine più diffuse

Sempervivum Montanum

Pianta succulenta perenne con foglie riunite in rosette basali. Predilige le posizioni molto aride, su rupi, pietraie e pascoli sassosi, sempre su silice. Vive tra i 500 e i 3500 metri.


Papaver nudicaule

Papaver nudicaule

Pianta erbacea del genere Papaver, nativa delle regioni subpolari del nord Europa e del nord America.

Senecio leucophyllus

Asteracea annuale a portamento eretto.

Leontopodium Alpinum (stella alpina)

stella alpina

Pianta alta 5-20 cm, bianco tomentosa (ricoperta di peluria). Foglie radicali a rosetta, numerosi capolini con fiori tubulosi in corimbi densamente bianco lanosi, circondati da 7-8 foglie fiorali tomentose a raggiera. Questa infiorescenza ha l’aspetto di un unico fiore.

Saxifraga hostii

Saxifraga hostii

Si sviluppa su rocce calcaree, rupi ombrose, fessure. Presente sulle Alpi occidentali, si distingue per la diversa forma delle foglie.

Centaurea macrocephala

Centaurea macrocephala

(Fiordaliso dalla grossa testa). Con fiori larghi fino a 4 cm, di color giallo vivo, a capolino simile al cardo.

Senecio adonidifolius

Senecio adonidifolius

Foglie glabre e molto ristrette con suddivisione lineare quasi filiforme; fiori gialli piccoli e compatti.

Eryngium alpinum

Eryngium alpinum

è una pianta erbacea perenne dai fiori molto appariscenti appartenente alla famiglia delle Apiaceae.

Potentilla nepalensis

Potentilla nepalensis

Pianta cespitosa a portamento lasso, con foglie pentapalmate.

Delphinium chinensis

Delphinium chinensis

Erbacea perenne della famiglia delle Ranuncolacee.

Achillea millefolium

Achillea millefolium

Della famiglia della Asteraceae, di tipo erbaceo, perenne e aromatica. Vive fino a 2200 m.

Crepis blattariodes

Crepis blattariodes

Dall’aspetto di erbacea i cui capolini sono ornati con fiori generalmente gialli.

Eriophorum angustifolium

Eriophorum angustifolium

Il nome deriva dal greco erion (lana), infatti i suoi fiori sono a ciuffo cotonoso bianco.

Carduus spinulosus

Carduus spinulosus

Appartiene alla famiglia delle Asteraceae, dall’aspetto di erbacea annuale o perenne, mediamente alta, in genere molto spinosa e dai fiori simili al carciofo.

Cirsium spinosissimum

Cirsium spinosissimum

Erbacea perenne, spinosa, glabrescente. I fiori tubulosi hanno corolla giallo pallida o biancastra.

Hieracium intybaceum

Hieracium intybaceum

Della famiglia delle Compositae, abita i macereti e le rupi fratturate su terreno siliceo.

Geranium platypetalum

Originario del Caucaso, è molto robusto. Raggiunge un’altezza di circa 50 cm. La pianta cresce molto in larghezza ed è utilizzata per giardini dall’aspetto naturale.

Linaria alpina

Linaria alpina

Forma cuscinetti poco densi composti da fiori di un bel colore violetto a gola arancione. Fiorisce da giugno ad agosto sugli sfasciumi.

Antennaria dioica

Antennaria dioica

Piccola pianta cespitosa, perenne, appartenente alla famiglia delle Asteraceae di altezza massima 20 cm (minima 5 cm), con capolini dal delicato aspetto quasi piumoso.

Hieracium villosum

Hieracium villosum

Pianta caratterizzata da una densa peluria che conferisce al fusto una colorazione quasi grigia mentre i capolini fiorali sono di un bel colore giallo chiaro.

Piante alpine | Panoramica delle più diffuse ultima modifica: 2017-08-22T08:00:36+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata