Creiamo composizioni piante grasse per nobilitare queste bellissime opere della natura

Le piante grasse, cactacee, succulente e agavacee, danno il meglio di sé quando vengono “assemblate” in composizioni in cui le diverse specie, le varie forme e la diversità delle fioriture, creino un insieme armonioso e piacevole alla vista. Ecco un esempio pratico di composizioni piante grasse.

Composizioni piante grasse – Insieme variegato

composizioni piante grasse, composizione piante grasse, piante grasse, pianta grassa, succulenta ,piante succulente

 

  1. In questo caso sono utilizzati alcuni cactus tra cui uno ad innesto brasiliano, un astrophytum, un echinopsis e un aloe. Servono: terriccio per piante grasse; sabbia; sassi decorativi, cocci per coprire il foro di drenaggio; un vaso di opportune dimensioni (non troppo grande).
  2. Dopo aver coperto il foro di drenaggio con un coccio si riempie il vaso fino a due terzi di altezza.
  3. Si inseriscono le piantine, mantenendole sufficientemente distanziate.
  4. Si aggiunge altro terriccio e, dopo averlo compattato, si versa uno strato di 1 cm di sabbia di fiume.
  5. Alcuni sassolini bianchi, disposti “strategicamente”, completano la composizione

Composizioni piante grasse – Propagarle per seme

composizioni piante grasse, composizione piante grasse, piante grasse, pianta grassa, succulenta ,piante succulente

 

  1. Servono:
    • una composta formata da terra 30-50% + materiali inerti 70-50%;
    • 1 contenitore alto almeno 4 cm;
    semi che, se freschi, germineranno in 3-10 giorni (per la maggior parte delle specie).
  2. Si mescolano bene i componenti e si riempie il contenitore. Con una pinzetta si sistemano i semi uno per uno sulla superficie, cercando di individuare il punto da cui usciranno le radici. Per alcuni semi è molto facile, c’è una specie di picciolo o un cerchietto più chiaro, per altri c’è un pallino più scuro, ecc.
  3. Non è necessario interrare i semi: nella maggior parte dei casi il germoglio potrebbe avere difficoltà ad uscire.
  4. Dopo aver inumidito leggermente la superficie si pone il contenitore vicino ad una fonte di luce artificiale ad una temperatura di 20-30 gradi e si copre con una pellicola trasparente.
  5. Nell’arco di un mese i germogli svilupperanno le spine. A questo punto si rimuove la copertura e si predispongono i germogli per il trapianto. Utilizzando una pinzetta si prelevano le giovani piantine avendo cura di non danneggiare le radici. Le piantine si collocano in un vaso riempito con composto per piante grasse. Quando raggiungono il diametro di 4-5 cm vanno trapiantate singolarmente in vasi di 5-6 cm con terriccio specifico per piante grasse.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata