Coltivare peperoni richiede tempo e dedizione, ma la ricompensa è grande…

Il peperone (Capsicum annuum) è una solanacea originaria delle regioni tropicali e subtropicali dell’America Centrale e vede la sua diffusione in Europa solo dopo la scoperta dell’America. Questo ortaggio, come lo conosciamo ed apprezziamo oggi, è il risultato di lunghe selezioni che ne hanno permesso la produzione di varietà molto diversificate. Solo un fatto è certo: i peperoni sono gialli o rossi, quelli verdi non sono altro che i frutti acerbi di entrambi i tipi, anche se sono altrettanto buoni da consumare. Si tratta di una pianta esigente, soprattutto in fatto di temperature, e va coltivata in posizioni ben soleggiate. Necessita di un terreno molto sciolto, leggero, ben concimato e drenato.

La semina
Può avvenire in vasetti singoli ponendo tre semi alla profondità di circa 1 cm da collocare in un locale con temperatura non inferiore ai 10°C. Nelle regioni a clima caldo si può seminare già a dicembre-gennaio. Nelle regioni settentrionali, è preferibile attendere febbraio-marzo. Quando le piantine raggiungono l’altezza di 2-3 cm scegliamo la più robusta ed eliminiamo le altre in modo che ne rimanga solo una per vaso. Trapiantiamo le giovani piantine all’esterno solo quando la temperatura si è stabilizzata, in un terreno già lavorato precedentemente ed arricchito di concime o letame. Ovviamente, se vogliamo facilitarci il lavoro, possiamo acquistare le piantine già cresciute, assicurandoci che abbiano il fusto corto, rigido e le foglie verde scuro. Il trapianto si effettua a primavera inoltrata (fine aprile, inizio maggio), quando non sono più da temere forti abbassamenti di temperatura, mettendo le piantine a 30-50 cm una dall’altra in solchetti distanti 40-60 cm. Aggiungiamo nelle buche un po’ di terriccio e di fertilizzante e piantiamo i peperoni preferibilmente in giornate nuvolose o di sera. Irrighiamo abbondantemente evitando di bagnare le foglie. Volendo si può spargere una pacciamatura attorno alle piante per mantenere il terreno umido specie durante la formazione del frutto. Durante la crescita è necessario supportare le piante con tutori per aiutarle a sostenere i pesanti frutti e per evitare che forti venti possano danneggiarle. La raccolta dei peperoni inizia a giugno e anche quando sono ancora verdi possono essere già consumati, ma se li lasciamo a maturare sulla pianta diventeranno gialli o rossi e acquisteranno più sapore. Si possono gustare crudi o grigliati, ma si conservano molto bene surgelati oppure sott’olio o aceto.


Coltivare peperoni – varietà

coltivare peperoni, coltivazione peperoni, peperoni coltivazione, come coltivare i peperoni

  1. Quadrato di Asti giallo e rosso. Frutti grossi, carnosi, dolci.
  2. Nocera rosso. Frutti a forma rettangolare, lunghi 15-18 cm e dalla polpa consistente.
  3. Corno di Toro rosso. Frutti a forma conica, lunghi 20-22 cm. Polpa compatta, dolce.
  4. California wonder. Frutti carnosi, quadrangolari, dolci.
  5. Cuneo giallo. Frutti gialli, dolci a tre o quattro lobi.
  6. Piccante di Caienna dai frutti piccoli e lunghi da far essiccare; è ideale per vari condimenti e nei classici spaghetti all’aglio, olio e peperoncino.

Coltivare peperoni – L’inizio

coltivare peperoni, coltivazione peperoni, peperoni coltivazione, come coltivare i peperoni

 

 

  1. se intendiamo coltivare peperoni partendo dalla semina, acquistiamo una busta di semi della varietà preferita.
  2. in un vasetto poniamo tre semi che interriamo poco. Sul vaso possiamo collocare una lastra di vetro per creare un microclima favorevole allo sviluppo delle piantine. Manteniamo umido il terriccio con acqua a temperatura ambiente.
  3. quando le piantine si sono sviluppate asportiamo le due meno rigogliose lasciando la migliore che facciamo crescere in vasetto fino al momento del trapianto a dimora nell’orto.

Coltivare peperoni – Messa a dimora

coltivare peperoni, coltivazione peperoni, peperoni coltivazione, come coltivare i peperoni

  1. le piantine seminate da noi o acquistate già nate, sono pronte ad essere collocate in piena terra quando sono alte una quindicina di centimetri.
  2. estraiamo le piantine facendo attenzione a non danneggiare le radichette.
  3. collochiamo le piantine in buchette distanti circa 50 cm. Un poco di terriccio intorno alle radici favorisce il loro sviluppo.
  4. bagniamo il terreno intorno alle giovani piantine.
  5. dopo alcuni giorni appariranno i primi fiori.

Coltivare peperoni – Crescita e raccolta

coltivare peperoni, coltivazione peperoni, peperoni coltivazione, come coltivare i peperoni

 

  1. nella fase di crescita concimiamo settimanalmente le giovani piantine con fertilizzante liquido specifico irrorando per bene.
  2. quando le piante di peperoni sono cariche dei frutti tendono a “coricarsi” per il peso eccessivo: è bene sostenerle con tutori.
  3. i peperoni si raccolgono quando sono carnosi e pieni staccando il peduncolo dallo stelo della pianta. I frutti verdi hanno un sapore più leggero e delicato.

 

 

 

Coltivare peperoni ultima modifica: 2014-07-02T15:31:50+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata