Funghi, parassiti, batteri, smog e inquinamento sono le cause più frequenti delle malattie delle piante. Dobbiamo riconoscerle per intervenire in modo mirato

Le malattie delle piante sono numerose, saperle distinguere tutte non è facile: per questo motivo abbiamo realizzato questa chiara guida che aiuta a riconoscere le principali affezioni delle piante e capire come intervenire

Il successo e la riuscita della coltivazione di piante e fiori dipende, in prevalenza, dal modo con cui riusciamo a tenere sotto controllo le  malattie delle piante possono andare soggette.


Le malattie delle piante più frequenti

Oidio o mal bianco

oidio

L’oidio o mal bianco è una malattia dovuta a un fungo che provoca un’efflorescenza biancastra sulle foglie, sui calici e sulle gemme. Si propaga velocemente all’intera chioma provocandone il disseccamento. E’ necessario contrastare con trattamenti fungicidi a base di zolfo che risolvono il problema in breve tempo.

Ticchiolatura

ticchiolatura

Ticchiolatura: malattia che determina sulle foglie macchie rotondeggianti bruno-violacee spesso accompagnate da un alone pallido. Le foglie si distaccano facilmente e, se l’attacco è forte, la pianta può rimanere completamente spoglia. Applicare fungicidi rameici e raccogliere ed eliminare le foglie cadute.

Muffa grigia o botrite

botrite

Muffa grigia o botrytis (botrite). E’ una crittogama che colpisce le piante arboree e la frutta. Le parti colpite (fiori e frutti) vanno soggetti a un progressivo disfacimento e disseccamento con comparsa di una muffa grigiastra. Per impedire l’insorgere di questa malattia è bene evitare ristagni di umidità e trattare con fungicidi a base di iprodione.

Quali parti delle piante sono soggette a malattie?

In tutto il periodo della loro vita le piante sono esposte all’azione di processi patologici che le colpiscono nella parte aerea e nelle radici determinando lesioni che, a volte, compromettono solo la parte interessata, ma più spesso agiscono sulla vitalità e sul rendimento generale della pianta.

Miceti, batteri, insetti, molluschi, virus e ambiente: tante cause diverse

Molte malattie delle piante si possono contrastare con efficacia vigilando costantemente sullo stato di salute delle piante stesse. Alcune malattie delle piante sono dovute all’azione di miceti e batteri, altre all’azione di insetti e molluschi fitofagi (coleotteri, lepidotteri, lumache e limacce).

Molte malattie sono provocate da virus (virosi, microplasmosi) e altre dovute all’azione dell’ambiente (colpi di calore, gelate, difetti del terreno, ecc.). E’ importante saper cogliere i primi sintomi per poter intervenire tempestivamente contro gli elementi patogeni in causa.

L’attenzione su parti malate delle piante dev’essere compiuta su tutti gli organi, compresi quelli sotterranei perché spesso la malattia si può trasmettere anche a piante e fiori vicini ancora sani.

Malattie causate da animaletti

I molluschi fitofagi e altri insetti come i rodilegno danneggiano vistosamente le piante di giardini e orti, asportando porzioni di tessuti su cui in seguito si insediano agenti patogeni.

Limaccia
limaccia

La limaccia è una chicciola priva di guscio (lumaca) che si ciba delle foglie delle piante.

Chiocciole
chiocciola

Le chiocciole sono molluschi fitofagi che danneggia le piante rosicchiando porzioni di foglie.

Rodilegno
rodilegno

I rodilegno attaccano tronchi e rami delle piante scavando gallerie e ostacolando la circolazione della linfa.

Metcalfa
metcalfa

La metcalfa è un piccolo insetto che colonizza fittamente la pagina inferiore delle foglie. Produce la melata (scarto zuccherino della metcalfa). Sulla melata si possono poi ulteriormente svulippare malattie fungine come la fumaggine.

Larve di mosca bianca
mosca bianca

Larve di mosca bianca. Si presentano come piccole scagliette bianche che si radunano sulla pagina inferiore delle foglie. Secernono una “melata” dove in breve tempo appare un fungo nero.

Larve di emitteri
larve di emitteri

Larve di emitteri ricoperte da un filamento bianco. Con le loro punture provocano malformazioni appariscenti sulle foglie dette “galle”.

Cocciniglia cotonosa
Cocciniglia cotonosa

Cocciniglia cotonosa su fiori di bouganvillea. Si presenta come un piccolo batuffolo di lanugine bianca che forma il suo nido sulle pagine inferiori delle foglie, sul tronco, nelle parti semilegnose e nei germogli.

I danni dei lepidotteri

Allo stato adulto si presentano sotto forma di “farfalle”, ma sono già dannose allo stato di larve. Intaccano foglie e organi legnosi. Fra i lepidotteri si annoverano i minatori che si insinuano nello spessore delle foglie; i rodilegno che scavano gallerie e le nottue che svolgono la loro attività fitofaga nelle ore notturne.

danni lepidottero

Coleotteri

Allo stato larvale si insinuano negli organi legnosi scavando gallerie. Alcune specie intaccanole foglie e i fiori rosicchiando, per mezzo delle elitre, i petali e asportando vistose parti di boccioli e foglie.

Ragnetto rosso
ragnetto rosso

E’ un piccolo parassita, di colore rosso o giallo che deposita le uova in prossimità delle gemme. Causa decolorazione delle foglie che successivamente disseccano. Si riconosce per la caratteristica formazione di ragnatele.

I danni delle cavallette

Le cavallette appartengono all’ordine degli Ortotteri di cui fanno parte anche i grilli e le locuste. Sono insetti “saltatori” dannosi alla vegetazione e alle colture. L’apparato della bocca è dotato di robuste mandibole denticolate con cui asportano vistose parti di foglie e fiori.

Malattie batteriche

Le malattie batteriche delle piante sono molto pericolose, in quanto hanno un decorso veloce e possono far morire la pianta in pochi giorni. I batteri che causano marciumi attaccano la pianta in un punto qualsiasi (foglie, radici, bulbi) per diffondersi in tutto il resto della pianta.

Molto spesso queste infezioni batteriche nascono se vi sono dei ristagni di acqua e ambienti molto umidi e non ventilati e si possono diffondere velocemente tra le piante vicine. E’ necessario prendere la pianta, eliminare le parti infette e metterla in un ambiente meno umido e più ventilato.

danni batterici geranio

Malattie fungine e muffe

Rispetto ad altre malattie sono un po’ più semplici da controllare, in quanto hanno un decorso più lento. Le muffe si possono riscontrare sia in forme di marciumi che di seccumi delle parti aeree e sono molto comuni.

La maggior parte delle macchie e macchioline che si vedono sui fiori sono, invece, da attribuire ai funghi, in particolare ad uno, del genere Bothritis, che causa disseccamenti delle punte e macchioline scure (e appassimento precoce).

malattia fungina

La ruggine

ruggine

E’ una crittogama che forma macchie scure sulla pagina superiore e inferiore delle foglie da cui fuoriesce una polvere rossastra. Indebolisce la pianta e secca le foglie colpite che vanno bruciate poiché le spore del fungo possono rimanere nel terreno da una stagione all’altra. Si eliminano le parti colpite e si applica un fungicida alla prima comparsa della malattia.

Interventi mirati per contrastare le malattie

E’ fondamentale che i trattamenti siano realizzati con prodotti specifici, seguendo attentamente le istruzioni riportate sulle confezioni dei vari prodotti che acquistiamo per contrastare i differenti tipi di malattie.

Fortunatamente pressi i consorzi agrari o i garden center troviamo una vastissima gamma di preparati specifici con cui possiamo contrastare e guarire praticamente tutte le malattie. Un intervento di cura o profilassi mal (o per nulla) eseguito rappresenta sempre per le nostre piante un’ulteriore causa di disturbo che può a volte aggravare la situazione in atto.

Se abbiamo qualche dubbio, o non riusciamo a riconoscere le cause della sofferenza delle nostre piante, ricorriamo al parere di uno specialista sottoponendogli un campione rappresentativo della malattia da diagnosticare.

Mai sottoporre all’esperto una foglia o un pezzo di ramo o parti già secche e morte. E’ preferibile mostrare l’intera pianta o fiore o almeno una porzione che comprenda parti in cui la malattia è in via di evoluzione.

Malattie delle piante | Le più frequenti e gli interventi mirati ultima modifica: 2017-08-16T08:00:41+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata