La Rapa (Brassica rapa) è una crucifera a ciclo biennale (annuale in coltura) originaria della Siberia occidentale

La Rapa è un ortaggio consumato soprattutto nel periodo invernale. Della rapa viene utilizzata la radice carnosa e anche le foglie come verdura cotta. La radice di forma tondeggiante è ricoperta da una pellicina di colore rosso-violaceo, non edule.

L’interno è formato da una pasta bianca o giallognola, a seconda delle varietà, leggermente spugnosa, di gusto dolciastro. Si tratta di un ortaggio che ha poche esigenze, ma non sopporta il caldo e la siccità, per cui al Sud o nelle regioni più temperate cresce meglio nel periodo autunnale-invernale.


Al Nord si possono prevedere anche due semine di rapa in un anno. La rapa è totalmente commestibile: sia la radice sia le foglie tenere e fresche consumate in insalate o utilizzate per arricchire i minestroni di sali minerali.

rapa rossa

Tempi di coltura delle rape

La semina può essere prevista sia a marzo-aprile sia in estate fino a settembre-ottobre. Affinché risultino più tenere, le rape si raccolgono prima della loro completa crescita (tra i 5 e 10 cm di diametro). Aiutandosi con un forcone o con le mani si asportano le rape dal terreno. Si conservano in luogo fresco e riparato, ma non troppo ventilato altrimenti appassiscono facilmente.

Semina o impianto

Si effettua a spaglio o a file, ponendo il seme a una profondità di circa 2 cm. Le rape comuni sono ortaggi a crescita molto rapida e in circa 8-12 settimane sono pronte per la raccolta e il consumo.

La germinazione richiede pochi giorni, ma le piante non devono crescere in file troppo fitte. Quando spuntano le prime foglie diradare le piantine distanziandole di 7 cm e dopo 2 settimane di circa 10-15 cm. Non vanno troppo distanziate altrimenti diventano grosse e dure.

Terreno e concimazione

La rapa cresce bene in un terreno leggero, ben drenato, compatto e ricco di humus, che abbia una buona capacità di ritenzione dell’acqua.

Annaffiature

La rapa non può fare a meno dell’acqua che esige in abbondanza in fase germinativa. Le irrigazioni vanno mantenute costantemente anche in seguito. La rapa in condizioni di siccità, oltre a diventare dura e fibrosa, tende ad andare subito in seme.

Cure

In genere la raccolta è a scalare in base alla grandezza della radice e al nostro fabbisogno. La rapa si estrae dal terreno afferrando il fogliame alla base del colletto; per togliere dal terreno quelle destinate a una conservazione più lunga, va utilizzata una vanga o un forcone; va lasciata asciugare sul campo per un giorno (se il sole aiuta). Delle rape si utilizza soprattutto la radice; spesso, però, si consumano anche i germogli provvisti di foglie detti comunemente “cime di rape” o broccoletti di rapa.

Rapa | Semina, coltivazione e cure ultima modifica: 2017-08-21T08:00:15+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata