Tutte le mammillarie sono di piccola taglia, cespitose e con spine di vari colori: ecco come coltivarle

La mammillaria, appartenente alla famiglia delle Cactaceae, è una delle piante grasse più apprezzate da coltivatori e collezionisti per la loro facilità di coltivazione e per la capacità di fiorire facilmente a fronte anche di condizioni ambientali avverse.

La pianta

Originaria delle aride steppe del Messico e degli Stati Uniti, di piccole dimensioni, cespitosa (si sviluppa a forma di “cespo”), i fiori di questa pianta formano generalmente un anello sulla sommità di quest’ultima. Fioriscono in periodi diversi, a seconda delle varietà. L’infiorescenza è piccola, generalmente di colore rosa, fucsia o bianco/giallastro. Dodici mesi trascorsi la fioritura, la mammillaria produrrà un frutto simile alla bacca, di struttura allungata e di una tonalità molto simile al rosso acceso. Il suo periodo vegetativo, quello di massima attività metabolica, comincia in primavera per poi esaurirsi alla fine dell’estate; quello di riposo persiste invece per tutta la stagione invernale.

Mammillaria elongata cristata

Varietà che ha cespi di fusti cilindrici con spine in colori diversi. Produce bellissimi fiori di color crema.

La varietà elongata cristata produce fiori color crema.

Mammillaria gracilis

È la più coltivata. Ha un fusto piuttosto piccolo, di circa 10 cm di altezza. Ha delle caratteristiche spine (generalmente 12-14) color crema, lunghe circa 1 cm.

La m.gracilis è caratterizzata da lunghe spine bianche che la rivestono completamente.

Mammillaria longimamma

Dal fusto solitario, che tende a costituire densi ammassi di aghi e spine di circa 15 cm, produce un solo, bellissimo fiore di colore giallo.

I fiori gialli della m.longimamma.

Coltivazione

Esposizione

Necessita, come tutta la famiglia delle Cactaceae di una buona illuminazione, ma evitiamo di esporla a sole diretto. Suggeriamo una posizione semiombreggiata e fresca.

Tipo di terreno

Usiamo un comune terreno da giardino ben drenato, ma ricco di composta da cactus.

Irrigazione

Annaffiamola normalmente e regolarmente dalla primavera all’autunno, evitando ristagni idrici. In inverno la pianta entra in riposo vegetativo: sospendiamo quindi ogni apporto d’acqua.

Concimazione

Applichiamo del concime liquido con acqua di irrigazione una volta al mese, dalla primavera all’estate. Utilizziamo un fertilizzante con un rapporto equilibrato, circa 30:30:30 di azoto, potassio e fosforo.

Propagazione

Propaghiamola per seme che germina a 20 °C o da pollone, sempre in primavera.

Malattie

È attaccata spesso dalle cocciniglie. Per quest’ultime possiamo ricorrere alla rimozione meccanica mediante un batuffolo di cotone imbevuto d’alcol, oppure, nei casi di maggior infestazione, a insetticidi sistemici.

Mammillaria | Piccola cactacea: varietà e coltivazione ultima modifica: 2018-01-22T09:23:15+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.