La Peonia è una delle piante più facili da coltivare e anche tra le più belle per la ricchezza dei fiori, delle foglie e per il portamento

La peonia è il capolavoro dei Cinesi che la considerano “la regina dei fiori”. Già 1000 anni prima di Cristo era protetta dall’imperatore il quale pagava le varietà più belle, favorendo così il lavoro d’incrocio e selezione di generazioni di ibridatori. In Europa le peonie sono presenti con numerose specie e sono conosciute fin dall’antichità soprattutto per le loro virtù medicinali.

Arborea e erbacea
La peonia appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee e si divide in due gruppi: l’arborea e l’erbacea. Le prime hanno un apparato arbustivo legnoso, crescono lentamente fino a raggiungere un’altezza di un paio di metri. In febbraio la chioma si ricopre di getti e la fioritura va da metà aprile a fine maggio. Tipiche sono le grandi corolle (20-30 cm di diametro) che ne caratterizzano lo sviluppo. Le forme erbacee formano un vigoroso ciuffo di steli e foglie alte anche un metro. In autunno la parte aerea avvizzisce, ma si rigenera nella successiva primavera. Coltivare le peonie, sia in piena terra sia in vaso, non è difficile: ne ricaveremo enormi soddisfazioni anche se dovremo avere alcune accortezze. Coltivate in vaso vanno trapiantate in piena terra dopo qualche anno.

Cure colturali
Collochiamole al sole in terreno neutro o alcalino ben drenato e non molto asciutto (ma neanche troppo umido). Un substrato ideale è costituito da terriccio di foglie, miscelato a terra ben setacciata e mescolata con un 20% di sabbia. Si possono coltivare da sole in aiuole e bordure o in una bordura mista: in ogni caso conviene, per farne risaltare la bellezza, contornarle con una piccola siepe di bosso o lavanda. u Alcune varietà, in particolare quelle dai colori scuri, vanno poste in mezz’ombra perché al sole tendono a sciuparsi. Quelle arboree, invece, vanno riparate dal sole mattutino che ne rovinerebbe i delicati boccioli.

Peonia – Dividere i cespi

divisione cespi peonia

  1. Per estirpare le radici scaviamo la terra tutt’intorno liberando le radici. Solleviamole delicatamente per non romperle.
  2. Aiutiamoci con due forconi per separare la zolla radicale in due parti distinte. Le radici devono essere sane e con getti vigorosi.
  3. Piantiamo il cespo nella nuova buca facendo attenzione a mantenere il colletto interrata di circa 5-6 cm rispetto al livello del suolo.
  4. Ricopriamo di terra stabilizzando il terreno intorno alle radici, innaffiamo e, infine, spargiamo un leggero strato di pacciamatura.

Riprodurre la Peonia arborea

riproduzione peonia arborea

 

Le peonie arboree si possono moltiplicare praticando la divisione dei cespi su piante mature (almeno 10 anni di età) o praticando l’innesto radicale da effettuare con una marza di peonia arborea adulta innestata su una radice di peonia erbacea (1). Sigilliamo con mastice per innesti (2) o con legacci di paglia (3). Le piante così ottenute fioriscono già dal primo anno anche se ne impiegano alcuni per sviluppare un apparato radicale poderoso. Le peonie arboree sono piante semplici da coltivare, di scarse esigenze e si adattano a climi caldi e freddi.

Peonia – regina dei fiori ultima modifica: 2014-07-04T12:30:05+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata