Costruire una serra da balcone è la migliore soluzione per proteggere le nostre piantine dal freddo invernale, anche se si abita in città. Semplice e leggera in plastica, in versione mini oppure più elaborata grazie al legno e al policarbonato, non vi resta che scegliere la vostra preferita

L’autunno è alle porte e noi amanti del giardinaggio dobbiamo correre ai ripari perché quando il sole non riscalda più, il freddo indebolisce le piante. E’ arrivato quindi il momento di riparare le più sensibili (ad esempio in una serra da balcone). L’ideale è trasferire le piante a rischio in un ambiente luminoso e non troppo caldo, come una veranda o una miniserra.

Se abitate in un condominio, sapete quanto questo può essere difficile. Una soluzione, però, c’è, ovvero una piccola serra da balcone, che potete facilmente costruire da soli. Potete usarla per la semina di semenzai e di ortaggi oppure per proteggere i fiori in vaso.

serra da balcone
Le serre da balcone più utilizzate sono di vario tipo: con struttura in legno e policarbonato,  in miniatura oppure in plastica. Le più grandi invece, di solito usate per i giardini, poggiano su una base in muratura e hanno pareti e tetto in materiale trasparente. Al loro interno si possono creare, anche artificialmente, luce, umidità e calore.

L’importante, una volta scelta la tipologia, è l’orientamento della serra. Il più favorevole è lungo l’asse est-ovest per massimizzare i raggi del sole che formano all’interno il ben noto “effetto serra”. I raggi vengono assorbiti dalle piante e dalla copertura della serra che, imprigionandoli al suo interno, provoca un innalzamento della temperatura ed un benefico aumento dell’umidità dell’aria.

Come costruire una serra in legno e policarbonato

La struttura portante della serra da balcone è costituita da listelli di legno ricavabili facilmente da ban­cali, vecchi mobili o scarti di altre lavorazioni, purché sani e ben stagionati. Le pareti trasparenti si rea­lizzano con lastre di vetro oppure con pannelli di policarbonato a doppia parete, ottimi per isolare l’ambiente interno dal gelo anche nei periodi più freddi. La parte posteriore è chiu­sa da un pannello di compen­sato che irrobustisce la strut­tura senza variare la quantità di luce che entra. Nella parte frontale e nel tetto si ricavano le due porte necessarie per l’accesso e la ventilazione.

serra da balcone in legno

La serra si presta ottimamente alla coltivazione su piani sovrapposti di insalata, basilico, spinaci e altre piccole piante.

serra da balcone in legno

Per fare spazio alla crescita delle piante, le grate che sostenevanole cassette del semenzaio devono poter essere tolte. Sistemate all’interno contro il dorso non danno alcun fastidio.

I materiali

Il materiale di cui avete bisogno per costruire la serra da balcone sono:

  • Listello sezione 21×44 mm: 2 pezzi A da 1750 mm, 2 B da 1425 mm, 2 C da 512 mm, 2 D da 720 mm, 2 E da 1170 mm, 3 F da 754 mm, 2 G da 755 mm, 4 H da 590 mm;
  • Listello sezione 21×68 mm: 2 pezzi J da 754 mm, 1 K da 842 mm;
  • Tavoletta sezione 21×92 mm: 5 pezzi L da 842 mm, 4 M da 512 mm;
  • Listello sezione 6×22 mm: 2 pezzi N da 800 mm, 2 O da 588 mm;
  • Listello sezione 6×33 mm: 2 pezzi P da 842 mm;
  • Listello sezione a quarto di tondo 9×9 mm: un totale di 36 metri;
  • Listello sezione 15×15 mm: 2 pezzi R da 842 mm;
  • Tondino Ø 16 mm: 12 pezzi T da 783 mm;
  • Tondino Ø 22 mm: 1 pezzo S da 800 mm;
  • Compensato marino spesso 6 mm: 1 pezzo U da 842×1526 mm;
  • Multistrato marino spesso 10 mm: 1 pezzo X da 600 x800;
  • Multistrato marino spesso 20 mm: 4 triangoli rattangoli V con lato 200 mm;
  • Vetro o policarbonato: 2+2+2+1 lastre Y da 510×570, 510×944, 517×752 e 617×752 mm l 1 foglio di plastica Z 1100×1300 mm;
  • Ferramenta: 4 ruote piroettanti Ø 70 mm; 1 piastrina forata con articolazione più 1 pernetto del Ø dei fori; 8 squadrette 110×110 mm; 1 gan­cetto e 2 viti a occhiello; 5 cerniere a libro 50×40 mm; viti a testa fresata da 4,5×50, 4×40 e 4×30 mm; chiodini senza testa;
  • Varie: 8 spine da 8×40 mm e 40 spine da 8×20 mm, colla vinilica, olio di lino, vernice da legno;

serra da balcone in legno

La costruzione

La fase di costruzione della serra da balcone parte dalle fiancate trapezoidali, in cui alcuni listelli vanno intestati fuori squadra con angolo di 30°. I pezzi si uniscono con colla e viti inserite in un foro d’incasso Ø 8 mm profondo circa 20 mm, che può poi essere chiuso con una spina da tagliare a filo. Questo particolare accorgi­mento non ha, qui, finalità estetiche, ma serve per utilizzare le normali viti in commercio da 4×50 mm, senza ricorrere a esemplari più lunghi e più difficilmente reperibili.

Una volta costruite, le due fiancate vengono collegate con un listello nella parte anteriore in alto e con tavolette negli altri tre punti di unione, tutti uniti con colla e viti 4×40 mm. I bordi che danno verso l’alto devono poi essere aggiustati con un pialletto, così da allinearsi con i listelli inclinati delle fianca­te. I due sportelli, anteriore e superiore, si costruiscono lasciando un piccolo gioco per evitare che lievi errori d’assemblaggio impediscano una facile chiusura. Gli spiragli che rimangono vanno poi colmati per mezzo di sotti­li listelli fissati con colla e chiodini.

serra da balcone in legno

La struttura degli sportelli si irrobustisce con squadrette a ogni angolo. Per tenere chiuso quello anteriore si monta un gancetto e per poterlo bloccare in posizione socchiusa si mette un occhiolo in più. Il fondo della serra si appoggia su quattro trian­goli (avvitati sotto ogni angolo con viti 4×30 mm), ai quali sono fissate altrettante, molto pratiche, ruotine piroet­tanti. Il dorso si blocca con due listelli, avvitati dal retro in alto e in basso.

Lungo tutto il bordo interno di ogni apertura del telaio si sistema il listello a quarto di tondo con cui creare l’appoggio per la lastra di vetro o policarbonato, fissandolo con colla e chiodini senza testa. Come ripiani, si usano due grate, formate ciascuna da una cornice e vari spezzoni di tondino, e come piolini reggipiano delle spine inserite nei montan­ti sporgenti verso l’interno di circa 30 mm. Nel vano dell’apertura superiore si installa un ulte­riore pezzo di tondino Ø 22 mm per fornire appiglio a fili e tuto­ri per le piante rampicanti.

serra da balcone in legno

Quattro triangoli di multistrato marino più spesso forniscono l’appoggio per il pannello di fondo e permettono il fissaggio delle ruotine piroettanti, da scegliere del tipo con attacco a piastra e fissare con viti piuttosto corte.

Quando tutta la parte in legno è pron­ta, si procede ad un tratta­mento con olio di lino cotto o impregnante seguito da una passata con uno smalto di finitura di qualità. Si riveste, poi, il fondo con un foglio di plasti­ca, in modo da creare un conte­nitore per il terriccio che non consenta all’acqua delle innaffiature di spor­care il pavimento o rovinare la base della serra. Per ultimo si inseriscono i vetri in ogni apertura ferman­doli anche sull’esterno con listelli a quarto di tondo, senza però usare colla, in modo da facilitare lo smon­taggio in caso di rotture.

serra da balcone in legno

Il fondo della serra viene fasciato con un foglio di plastica per poter contenere il terriccio necessario alla crescita delle piante; dopo averne fissato il risvolto con listelli, la parte eccedente va tagliata.

Le due traverse superiori, vanno piallate con un angolo di 30° per permettere un appoggio uniforme di tutto lo sportello che costituisce il tetto della serra. La parte bassa è formata da tavolette anziché listelli, che conferiscono una certa rigidità all’insieme e al tempo stesso formano le pareti laterali del cassettone di fondo. Una volta montato, il tettuccio deve poter essere sostenuto aperto: per questo serve una piastrina forata da agganciare a un pernetto fissato all’interno della serra.

Come costruire una miniserra da balcone

Una soluzione adatta anche agli spazi più piccoli consiste nel costruire una miniserra da balcone utilizzando cesti di plastica per la frutta, pezzi di rete metallica, telo di nylon e nastro adesivo trasparente. Molto comoda e veloce non richiede infatti materiali particolari. Come per le altre serre da balcone, potete sceglierne la misura e il colore che preferite.

mini serra da balcone

La miniserra da balcone è una soluzione più spartana rispetto alla serra in legno, ma facile e veloce da costruire.

mini serra da balcone

Utilizzando il nastro adesivo trasparente, che fa passare meglio i raggi solari, fissiamo il telo di nylon al pezzo di rete metallica.

mini serra da balcone

Con le forbici pratichiamo qualche foro nel telo di nylon in modo da consentire la traspirazione delle piantine.

mini serra da balcone

Collochiamo la rete metallica sopra alla cassetta di plastica sagomandola adeguatamente. A questo punto possiamo mettere le nostre piantine all’interno della miniserra.

Come costruire una serra da balcone in plastica

Se non siete molto pratici di fai da te, esistono, inoltre, kit di montaggio molto facili da assemblare e pronti all’uso in pochi minuti. Come la serra da balcone in plastica. Questa è un’ottima soluzione se desiderate una versione più leggera e semplice rispetto alla serra in legno.

serra da balcone in plastica

serra da balcone in plastica

I tubi di sostegno si uniscono tra loro inserendoli negli appositi giunti di collegamento.

serra da balcone in plastica

Si procede con l’unione di tutti i pezzi, partendo dalla base della serra.

serra da balcone in plastica

Si conclude il montaggio fissando gli ultimi elementi di collegamento nella parte superiore della serra. Quando l’ossatura è terminata si ripassano gli incastri per renderla perfettamente stabile.

serra da balcone in plastica

A questo punto possiamo stendere il telo in nylon lungo tutta la nostra serra. Le piante saranno al riparo dal gelo!

Per vedere altri modelli, potete visitare il sito di Verdemax.

Serra da balcone | Come costruire una serra fai da te ultima modifica: 2017-10-09T08:00:00+00:00 da Laila de Carolis

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.