Il Maine Coon è un felino originario dello stato nordamericano del Maine: può raggiungere i dodici chilogrammi di peso e adattarsi a climi estremi. Ma è un gatto da record… anche nell’affetto che è in grado di profondere

Guardando negli occhi un Maine Coon non si può fare altro che rimanere affascinati perché dall’alto della sua stazza (un maschio adulto supera i 10 kg per 1 metro di lunghezza), esprime un forte senso di regalità, quasi paragonabile a quello del suo lontano cugino, il leone.

Dal carattere vivace e dalle spiccate attitudini cacciatorie, il Maine Coon ben si è adattato negli ultimi 200 anni alla convivenza con l’uomo, mostrando un attaccamento e un’intelligenza non comuni ad altre razze feline.

Benché la sua mole possa intimorire da un punto di vista… gestionale, si tratta di un gattone molto indipendente, robusto, forte e certamente indicato anche per la vita in appartamento e con i bambini. Se ci si aspettano miagolii forti e acuti siamo fuori strada perché la voce del Maine Conn è dolce e aggraziata, con una panoramica di sonorità molto variegata.

Le sue esigenze alimentari sono ovviamente superiori a quelle di un gatto di taglia normale: necessita infatti di un apporto calorico sostenuto, che dev’essere fornito con una dieta piuttosto varia.

Mai aggressivo, può raggiungere anche i 15 anni di vita, se curato e gestito al meglio.

Il Maine Coon ama le altezze (come del resto tutti i gatti!). Meglio prevedere in casa un bel tiragraffi alto e adeguato alla sua mole.

Origine della razza

Il Maine Coon è un gatto americano, originario del Maine (negli Stati Uniti nordorientali), cui deve parte del suo nome, è stato spesso accostato per somiglianza al Procione (Coon in inglese). Fonti autorevoli ritengono probabile che derivi da un incrocio tra gatti a pelo corto e gatti a pelo lungo d’oltremare. Avrebbe antenati tra i gatti nordici, i progenitori del gatto delle foreste norvegesi, arrivati in America insieme ai Vichinghi. Si tratta di un gatto la cui razza è “naturale” per cui non si tratta di gatti di razza creata dall’uomo e pertanto conserva un istinto che lo lega alle sue origini. Questi gatti giganti sono infatti ottimi cacciatori e amano stare all’aperto.

Maine Coon gatto gigante

Maine Coon carattere

Ha un ottimo carattere, è attivo e curioso,  ideale per tenere compagnia a vecchi e bambini in quanto raramente graffia o soffia e ama giocare con tutti. Si tratta, comunque, di un gatto essenzialmente indipendente, pur trovandosi a suo agio con le persone. Se lasciato libero all’aperto sviluppa l’innata attitudine cacciatoria che lo rende particolarmente abile negli scatti e agile nei movimenti.

Adottare un Maine Coon

Maine Coon cuccioli

Maine Coon cuccioli

Le caratteristiche peculiari del Maine Coon (grandezza, peso, curiosità, inclinazione alla caccia, istinto di “rapina” abbastanza sviluppato, indipendenza, rusticità) suggeriscono all’aspirante proprietario di questo felino di valutare con oculatezza i molti “pro” e gli immancabili “contro” della scelta.

I pro si riassumono ricordando che si tratta di un gatto affettuoso che ama il padrone e gioca con lui tutta la vita. Non si ammala facilmente e sopporta disagi diversi senza battere ciglio.

I contro non sono tanto inerenti al gatto in sé quanto alle nostre esigenze. Ad esempio, se siamo fanatici dell’ordine potremmo avere problemi perché questo felino ama scoprire, rovesciare, scoperchiare e quindi dobbiamo essere preparati a tutto questo. Valutiamo anche la differenza tra gatto maschio e femmina che in questa razza è abbastanza evidente. Mentre il primo è un giocherellone un po’ distruttivo la seconda è più “riflessiva” … fin quando non ridiventa felino.

Dal veterinario…

Come tutti i gatti, anche il Maine Coon necessita di regolari visite dal veterinario.

  • Sverminazione. Va effettuata prima delle vaccinazioni, dal veterinario di fiducia. La profilassi va effettuata anche se il gatto è già adulto, perché anche in quel caso può essere vittima di parassiti all’interno dello stomaco in base al contesto in cui vive. Se trascorre la maggior parte del suo tempo fuori casa, allora la profilassi diventa obbligatoria.
  • Vaccini. La prima vaccinazione va fatta ai 2 mesi di vita, seguita da un richiamo al 3° mese e poi dai regolari richiami annuali. Il veterinario terrà presente alcuni fattori come l’età, l’ambiente in cui vive, lo stile di vita e le malattie più diffuse nella zona. Così facendo sarà possibile consigliare, oltre alle vaccinazioni obbligatorie, quelle adatte alla situazione. Tutte le vaccinazioni del gatto saranno segnate sul libretto personale.
  • Antiparassitari. Per i parassiti esterni del pelo e della pelle (pulci, zecche, zanzare e pappataci) si interviene con la periodica applicazione di prodotti specifici sul mantello.

Convivenza con cani e altri animali

È un gatto socievole e pacifico e fa facilmente amicizia con altri animali domestici, per cui non è difficile impostare una convivenza serena anche con cani e gatti che si introducessero successivamente. Va tenuto presente, però, che si tratta pur sempre di un felino con spiccata tendenza alla caccia, per cui gli animali che ricadessero nel suo personale “panel” di potenziali prede potrebbero essere soggette ad attacchi. Quindi attenzione a uccelli, pesci, piccoli rettili, piccoli roditori e così via.

Una corretta alimentazione

Il Maine Coon è un gatto di ottimo appetito e ha bisogno di alimentarsi molto bene. La sua mole esige un apporto calorico abbastanza rilevante, per cui sin da cucciolo è opportuno alimentarlo con una dieta variata che preveda l’ausilio di alcuni integratori.

È comunque un ottimo cacciatore: per questo motivo molti sostengono che la miglior dieta sia quella “primitiva”. In ogni caso non pone difficoltà: mangia volentieri sia cibo fresco sia confezionato. In particolare gradisce il pesce, ma bisogna evitare di fornirgli sempre il medesimo cibo perché si provocherebbero, alla lunga, squilibri dietetici e possibili effetti carenziali.

Non cerca il cibo con insistenza, ma interviene direttamente alla sua ricerca negli armadi, nel frigo…

Il Maine Coon è un “gatto gigante”. Le caratteristiche lo fanno assomigliare a un “gatto lince”.

 

Maine Coon | Un gatto gigante, ma buono ultima modifica: 2018-10-25T11:23:36+00:00 da Laila de Carolis

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.