I vasi di fiori, le ultime verdure dell’orto, alcune piante delicate devono essere protette dal freddo e dal gelo dell’inverno. Ecco alcune soluzioni facili da adottare

Molte piante, specialmente quelle ornamentali e da fiore, siano esse in piena terra o in vaso, soffrono il gelo (o anche solo le basse temperature). Per questo motivo, al sopraggiungere della stagione invernale, è necessario provvedere a protezioni adeguate. La soluzione migliore consiste nell’utilizzare una serra: se ne trovano di vari tipi, adatti per il giardino e per il terrazzo.

Alcune sono anche molto belle e aggiungono alla funzionalità un certo apporto estetico. Ve ne sono di misure diverse: piccole, medie, grandi, che possono contenere parecchi vasi, anche quelli più voluminosi. Alcuni modelli sono realizzati in pannelli di policarbonato che consente una maggiore protezione dal freddo; altri hanno la struttura rivestita di teli in materiale plastico trasparente di elevata qualità a lunga durata e resistente ai raggi UV.

All’interno delle serre possiamo collocare scaffali a più ripiani in cui posizionare i vasi più piccoli.

Opportuni ripari

Se le dimensioni delle piante ci impediscono la loro collocazione in una serra possiamo costruire un valido riparo realizzando, ad esempio, una struttura in listelli di legno da coprire con fogli di plastica (meglio quella specifica per imballaggi).

La plastica consente di lasciar passare la luce e fornisce un ottimo isolamento termico.

Plastica protettiva

Alcune piante ornamentali di grosse dimensioni coltivate in vaso, come ad esempio la palma, il nespolo del Giappone, il limone, l’arancio e l’olivo oppure quelli di forma irregolare, difficilmente copribili con i classici sacchi, teli o tubolari, è necessario proteggerle, soprattutto dai venti gelidi, con specifici teli in TNT (detti anche tessuto non tessuto). I teli, permeabili all’acqua e all’aria, si installano su supporti conficcati nella terra o con legacci di chiusura.

Prima di riporre al riparo le piante eseguiamo un’efficace potatura, con un buon paio di cesoie, per rinforzarle e consentire di crescere più rigogliose e occupare così meno spazio Le piante in vaso molto pesanti e particolarmente ingombranti da manovrare manualmente è bene poterle spostare per mezzo di un carrellino che ci eviterà inutili sforzi e soprattutto impedirà la rottura di molti rami. Infine una semplice attenzione: non dimentichiamo le piante durante l’inverno, anzi, proprio quelle che abbiamo riparato in serra necessitano di essere innaffiate almeno una volta al mese.

PROTEGGERE LE PIANTE DAL FREDDO: LE ALTERNATIVE

rete

Una rete a maglie romboidali, curvata a cilindro, costituisce un ottimo supporto, sufficientemente robusto da poter essere rivestito con rami per proteggere piccoli arbusti.

stuoia

Utilizziamo alcune stuoie o cannicciati per fasciare gli arbusti a foglia caduca. Copriamo la parte bassa della pianta bloccando il tutto con legacci ben saldi.

per-proteggere-le-piante-dal-freddo

Un cappuccio di TNT (tessuto non tessuto), permeabile all’aria e all’acqua, protegge dal freddo piante, fiori e anche ortaggi. Di facile impiego: è sufficiente infilare il cappuccio sulla pianta da proteggere. Molto leggero e resistente.

Ottime soluzioni sono sicuramente rappresentate dai prodotti in TNT di Verdelook, disponibili in diverse grammature. TNT bianco o verde, TNT Plus particolarmente resistente, TNT Extra (sfoglia il catalogo)

Cappuccio in TNT da 17g

Tessuto TNT Extra

Cappuccio in TNT verde

 

airball

Un involucro di plastica del tipo a bolle (airball) protegge le piante dal freddo.

polistirolo

Possiamo proteggere i bulbi con materiale sintetico, come il polistirolo da imballaggi.

Proteggere le piante dal freddo: i vari metodi ultima modifica: 2018-11-15T11:56:18+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.