Lo spatifillo è una pianta molto elegante e poco “esigente”: scopriamo perché

Lo spatifillo (spathiphyllum) è una pianta da appartamento facile da coltivare, appartenente alla famiglia delle Araceae, originaria dell’America meridionale, più precisamente dalla Malesia. È presente in più di 36 specie, ma solo alcune di queste sono comunemente coltivate. La varietà “Mauna Loa” è la più diffusa e cresce vigorosamente fino a 1 m quando è in fiore.

Si tratta di una pianta molto ornamentale, caratterizzata dalla presenza di foglie lunghe anche 30 cm, lucide e di colore verde vivo, con bordi ondulati e nervature evidenti. I fiori sono piccoli, di forma rotonda e di colore bianco crema, riuniti in un’infiorescenza (spadice) avvolta da una grande brattea bianca (spata).


Nel mondo anglosassone, pur non essendo un giglio, lo spatifillo pianta viene chiamato “peace lily”, il giglio della pace.

Esempio di spatifillo in vaso.

Spatifillo coltivazione

Esposizione

Durante il periodo estivo, posizioniamo la pianta in zone ombreggiate evitando di esporla al diretto contatto della luce solare che potrebbe ustionare le foglie. Nella stagione invernale spostiamola invece in zone luminose.

Temperatura

Il clima che preferisce lo spatifillo è prevalentemente tropicale; resiste bene alle alte temperature, ma risulta ottimale una temperatura compresa tra i 20 e i 27 gradi centigradi. 

Irrigazioni

Annaffiamola abbondantemente in inverno (strano ma vero), facendo attenzione che il drenaggio del terriccio sia buono e nebulizziamo con frequenza le foglie. Per mantenere meglio l’umidità possiamo utilizzare argilla espansa nel sottovaso. Effettuiamo infine il rinvaso qualora le radici abbiano riempito tutto lo spazio disponibile nel vaso. 

Tipo di terreno

Lo spatifillo è una pianta “jolly”, si adatta a qualsiasi tipo di terreno, ma una preferenza ce l’ha: un terreno ricco e soffice, che possa trattenere l’umidità e che sia anche leggermente acido.

Concimazione

Nei mesi più caldi somministriamo piccole, ma frequenti, dosi di concime a base di potassio, fosforo e azoto.

Fioritura

L’infiorescenza appare da marzo a settembre ed è di colore bianco crema. 

Propagazione

Avviene per divisione dei cespi. A divisione avvenuta il terreno deve essere mantenuto bagnato per favorire la radicazione. 

Spatifillo proprietà

Come altre piante da interno, lo spatifillo ha la virtù di entrare di diritto nella categoria delle piante che purificano l’aria di casa (piante antismog) assorbendo nelle sue foglie, in modo permanente, alcune sostanze tossiche, senza alcun danno per la pianta.

Un bel fiore di spathiphyllum.

Spatifillo malattie

Le foglie di questa pianta risultano spesso attaccate dalle cocciniglie: si curano con un panno o batuffolo di cotone imbevuti di alcool; in caso di forte infestazione, trattiamo con un olio minerale attivato con un insetticida specifico. 

Frequente è la presenza di alcune malattie fungine e marcescenza basale. Per la cura eliminiamo le parti che presentano sintomi, disinfettiamo opportunamente il terriccio prima della messa a dimora e utilizziamo un substrato con pH neutro. Attenzione: i trattamenti chimici non danno la garanzia di risanare piante ammalate. 

Spatifillo foglie gialle

Capita spesso che la pianta abbia punteggiature giallastre sul fogliame: sono acari: in questo caso interveniamo con acaricidi specifici.

Spatifillo | La pianta che combatte l’inquinamento ultima modifica: 2017-12-18T16:53:25+01:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio