Un manto erboso di un bel verde brillante è il risultato di attenzioni e dedizione continua

Col passare degli anni anche il prato più bello si “contamina” con erbacce estranee. A ciò si aggiungono i danni della neve e del gelo: l’erba originaria si dirada, qua e là viene soffocata dal muschio e il prato si riempie di chiazze infeltrite, giallastre o scure.


Gli interventi da attuare sono diversi.

In primavera il prato va arieggiato o scarificato con l’apposita macchina. L’arieggiatura è un’operazione che può essere eseguita in qualsiasi momento dell’anno. Con questa pratica la cotica erbosa viene pettinata in modo leggero grazie ad un rullo provvisto di rebbi d’acciaio che pizzica e strappa via il feltro e il muschio (prevenendone anche la ricrescita).

La scarificatura è un trattamento più radicale e in profondità. Le lame affilate dello scarificatore penetrano verticalmente attraverso la cotica erbosa: muschio, feltro ed erbacce vengono così rimossi in modo completo. Il prato si rigenera migliorando l’ossigenazione, il drenaggio e l’assunzione di sostanze nutritive.

Nelle zone dove l’erba è morta si effettua una nuova semina utilizzando uno spargisemi che distribuisce uniformemente le sementi. Segue una concimazione di fertilizzante specifico granulare ed un’attenta rullatura che compatta i semi nella terra, rendendone difficile l’asportazione da parte del vento e delle formiche. A questo punto possono iniziare le irrigazioni e i tagli regolari: il prato ritornerà bello come i primi anni.

La riattivazione

riattivazione prato

Dopo un lungo inverno molte zone del manto erboso si presentano ingiallite e spelacchiate: si deve quindi praticare la riattivazione, ossia intervenire per ripristinare il prato togliendo ciò che lo danneggia e apportando nutrimento.

2

Utilizzando un tosaerba effettuiamo un primo taglio dell’erba mantenendola non troppo bassa, per facilitare la successiva azione di scarificazione.

attivazione-1

Con l’arieggiatore-scarificatore effettuiamo più passaggi sul prato. I suoi rulli, muniti di punte e lame, rompono e asportano lo strato di erba secca e incidono la superficie del terreno.

4

Dopo queste operazioni raccogliamo con un rastrello tutto ciò che la scarificazione ha portato in superficie. Questo materiale è da conservare perché potrà tornarci utile per alimentare una compostiera.

Curare il prato: la riattivazione ultima modifica: 2016-10-28T15:56:24+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

No, ma dove si trova? 😃

Hai già guardato l'ultimo numero di FAI DA TE?

È GRATIS! 😱 Vai su: FAIDATE FACILE