!-- Facebook Pixel Code -->
 

Si parla molto della Garcinia Cambogia come integratore da usare nelle diete per stimolare la perdita di peso. Ma funziona davvero? Recenti studi medici condotti su un campione di oltre 100 persone dicono che non sia così ma, nonostante tutto, i pareri di chi lo assume sono contrastanti…

La garcinia cambogia è una pianta originaria dell’Indonesia ed in particolare della regione Garcinia. Questo arbusto cresce spontaneamente anche in altre aree del Sud Est Asiatico, come il Vietnam, la Cambogia, l’India meridionale e le Filippine. La garcinia cambogia appartiene alla famiglia delle Clusiaceae ed è conosciuta anche con i nomi Garcinia gummi-gutta, brindleberry, Malabar tamarindo e Kudam puli.

La garcinia cambogia si presenta come albero di medie dimensioni (dai cinque ai sette metri di altezza) e dal tronco legnoso. I suoi frutti hanno una forma che ricorda quella della zucca, con dimensioni decisamente ridotte che non superano i dieci centimetri, sono di colore verde acido tendente al giallo e la polpa al loro interno ricorda quella degli agrumi. La buccia è la parte più ricca di acido idrossicitrico, la componente con proprietà dimagranti e pertanto è utilizzata per la preparazione di integratori alimentari da associare alle diete ipocaloriche. Nel mercato alimentare occidentale questo frutto è noto con il nome di tamarindo del Malabar ed è venduto come bibita oppure come integratore alimentare contenente una concentrazione pari al 50% di acido idrossicitrico, calcio, carboidrati e pectine. L’acido idrossicitrico è molto raro in natura ed è un ottimo alleato per chi decide di perdere peso corporeo. Questo acido agisce sul metabolismo lipidico cellulare e inibisce la trasformazione degli zuccheri in grasso, favorendo un incremento di energia per l’organismo umano. Il calcio è un minerale indispensabile per il corpo umano e per la corretta trasmissione degli impulsi nervosi e muscolari, mentre le pectine sono fibre utili per combattere la stipsi. La garcinia cambogia è utile come alleato nella lotta ai chilogrammi di troppo e inoltre il suo estratto secco è ricco di sostanze capaci di abbassare i livelli di colesterolo cattivo, favorire il buonumore e aumentare la produzione di bile. L’assunzione di garcinia cambogia dona un senso di sazietà a lungo termine, molto utile durante un periodo in cui si segue un’alimentazione ipocalorica. L’azione combinata della garcinia sul peso corporeo agisce inibendo l’accumulo di tessuto adiposo e sottraendo gli zuccheri dal sangue stimolando così il senso di sazietà.

Garcinia Cambogia

Frutti di Garcinia Cambogia

In oriente la garcinia è utilizzata da sempre come spezia e per la preparazione di tisane drenanti. Il frutto è utilizzato in cucina come ingrediente per la preparazione del curry oppure, grazie alla presenza di antibatterici naturali contenuti nella polpa, è impiegato per la conservazione della carne e del pesce. Questa pianta è stata conosciuta in occidente durante l’ultimo decennio, principalmente per le sue proprietà dimagranti, mentre nei paesi dove la garcinia cambogia nasce spontanea, gli abitanti del luogo la utilizzano da secoli per la preparazione di medicinali lassativi o per unguenti antibiotici.

Negli ultimi anni alcuni programmi televisivi, tra i quali uno molto famoso in America in campo medico, si sono interessati agli effetti snellenti della garcinia cambogia, incrementando la curiosità verso questo prodotto, nonostante non esistano ancora studi clinici che attestino con certezza l’efficacia dell’estratto secco derivato dal frutto di questa pianta. 


Secondo alcuni studi effettuati su un campione di soggetti affetti da obesità, la garcinia cambogia avrebbe prodotto risultati soddisfacenti contro l’ipercolesterolemia, l’iperglicemia e l’ipertrigliceridemia, favorendo il dimagrimento. Nonostante esistano pareri contrastanti sulla reale efficacia della garcinia cambogia sul controllo del peso corporeo, questa pianta è stata ammessa nell’elenco degli integratori alimentari. L’acido idrossicitrico contenuto in questo frutto è un derivato dell’acido citrico, ma a differenza di quest’ultimo, è una componente rara in natura e presente soltanto nel frutto della garcinia e dell’ibisco, ha effetti epatotossici e agisce sui lipidi riuscendo a favorire il dimagrimento. Inoltre, la garcinia stimola la produzione dell’ormone della felicità e riduce il senso della fame. Oltre agli effetti dimagranti, la garcinia cambogia possiede numerose e benefiche proprietà. Un corretto dosaggio è capace di ridurre i livelli ematici di cortisolo infiammatorio ed aumentare quelli di serotonina, rinforza le pareti uterine, migliora le funzioni urinarie e disinfetta le mucose gastriche grazie alla presenza di vitamina C. Alti livelli di cortisolo nel sangue, conosciuto come ormone dello stress, provocano sensazioni di stanchezza sia fisica che mentale, continua voglia di cibi dolci e aumento della pancia. Combattere in modo naturale l’ormone dello stress dona benefici a tutto l’organismo, aiuta a sgonfiare la circonferenza addominale e a vivere la vita con maggiore allegria.

Gli effetti snellenti della garcinia sono visibili soltanto se coadiuvati ad una dieta ipocalorica, in caso contrario questa pianta e le sue proprietà non riescono a combattere da sole l’obesità.

Nonostante l’aspetto maggiormente conosciuto di questa pianta sia la proprietà dimagrante, questa trova largo impiego anche nella preparazione di cosmetici per la lotta alle rughe e all’acne. 

Come assumerla

Essendo la garcinia cambogia antipertensiva e ipoglicemizzante, è importante consultare un medico se si assumono farmaci per la cura del diabete e dell’ipertensione e in caso di soggetti ipoglicemici o affetti da ipotensione cronica.

Per assicurarsi gli effetti snellenti promessi dalla garcinia, è consigliabile assumere quotidianamente un dosaggio di acido idrossicitrico compreso tra i 250 milligrammi e i 1000 milligrammi. Gli integratori a base di garcinia commercializzati in Italia contengono una concentrazione di questo acido pari al 50%, pertanto parlando di dosaggio di estratto secco di garcinia, questo deve variare dai 500 milligrammi ai 2000 milligrammi al giorno. 

In commercio la garcinia è presente anche sotto forma di compresse da assumere almeno un’ora prima dei pasti. Inizialmente oltre a consultare il proprio medico oppure un nutrizionista laureato, è sempre opportuno cominciare con dosaggi minimi e aumentare gradualmente. È consigliabile leggere le informazioni mediche riportare all’interno di ogni confezione ed attenersi ai dosaggi consigliati, senza mai assumere quantità elevate nella speranza di raggiungere i risultati sperati in meno tempo; il rischio sarebbe quello di incorrere in problemi gastrointestinali, mal di testa e disturbi respiratori nei casi più gravi.

La garcinia non deve essere assunta da donne in stato di gravidanza, durante l’allattamento e da soggetti affetti da demenze, diabete mellito, ipoglicemia, epatopatie ed in presenza di allergie. È opportuno consultare il medico se si assumono farmaci, quali sertralina (o simili), antidepressivi triciclici, tramadolo, petidina, pentazocina e destrometorfano.

Alcuni studi sostengono che l’assunzione combinata di acido idrossicitrico con gymnema sylvestre oppure con la vitamina PP (acido nicotinico o niacina) aumenterebbe gli effetti dimagranti. 

Nonostante non siano resi noti gravi effetti collaterali in seguito all’assunzione di estratto di garcinia cambogia, alcuni consumatori hanno accusato mal di testa e sintomi gastroenterici dopo aver assunto un dosaggio elevato. 

Dove si compra

Il miglior prezzo d’acquisto per gli integratori a base di garcinia cambogia si trova sulle piattaforme di vendita online. Prima di acquistare è comunque importante porre attenzione all’affidabilità degli e-commerce che si visitano. I rivenditori ufficiali di garcinia cambogia per la vendita sul territorio italiano sono la piattaforma online Garcinia Cambogia Italia, Amazon, Evolution Slimming, Garcinia Cambogia Extra, Bauer Nutrition.

Il sito ufficiale italiano è Garcinia Cambogia Italia, un sito specializzato sulle proprietà ed i benefici di questa pianta, all’interno del quale è possibile trovare preziosi consigli e offerte sorprendenti. Su Amazon è possibile acquistare garcinia cambogia in capsule prodotta da diversi marchi di fabbrica e a prezzi concorrenziali. Se si decide di comperare un prodotto con una concentrazione più alta di acido idrossicitrico è preferibile affidarsi ai siti e-commerce Evolution Slimming e Anastore. Questi ultimi offrono capsule realizzate con almeno il 60% di acido idrossicitrico.

Se il mondo dell’e-commerce non è la scelta preferita, è possibile acquistare capsule di garcinia cambogia direttamente in erboristeria oppure in farmacia. La sicurezza di comperare in un negozio potendo chiedere consigli direttamente al personale addetto per alcuni è la scelta più consapevole. Il costo d’acquisto di garcinia cambogia è moderato e adatto a qualsiasi budget, infatti una confezione da sessanta capsule ha un prezzo medio di euro 15,00. Online è possibile trovare sconti imperdibili sull’acquisto di due o più confezioni da sessanta capsule oppure con la vendita combinata con altri integratori. 

Come si coltiva

Questa pianta necessita di un clima tropicale per crescere sana e produrre frutti. In Italia è possibile coltivare la garcinia cambogia nel territorio che si estende dalla Calabria alla Sicilia, una vasta area che presenta il clima ideale per la coltivazione di questa pianta tropicale. 

È importante seguire alcune semplici regole prima di cimentarsi nella coltivazione della garcinia cambogia. I suoi semi devono essere tenuti almeno dodici ore in acqua tiepida prima della semina, soltanto successivamente possono essere piantati a circa dieci centimetri di profondità e preferibilmente in vaso almeno fino alla crescita del germoglio. Il trapianto in pieno campo è raccomandato dopo quarantacinque giorni dalla semina e in presenza di una pianta che ha raggiunto i settanta centimetri di altezza.

Il terreno maggiormente adatto alla crescita di questa pianta è quello di tipo poroso e deve essere ben drenato. È consigliabile arricchirlo con materiale organico due volte l’anno, in primavera e in autunno, preferibilmente dopo la raccolta dei frutti. L’esposizione ai raggi solari non deve essere diretta e l’irrigazione deve essere abbondante e quotidiana, in modo da garantire almeno un apporto di tre litri d’acqua al giorno. Il freddo e la carenza idrica sono i peggiori nemici di questa pianta. La garcinia cambogia non necessita di importanti potature, bensì un semplice controllo che durante il periodo di crescita della pianta i rami si estendano liberi e non intrecciati fra di loro. In primavera le foglie di questo albero crescono rigogliose e si presentano di colore verde intenso.

Dal momento della semina, una pianta di garcinia cambogia produce i suoi primi frutti dopo almeno sette anni. Il frutto ha le dimensioni simili ad un’arancia ed è maturo quando il tipico colore verde assume sfumature del giallo e del rosso.

Parlando di parassiti delle piante, la garcinia cambogia non necessita di particolari cure poiché è dotata di acidi polifenolici, una difesa naturale presente nella corteccia, nelle foglie e nella buccia del frutto. La malattia che interessa maggiormente questa pianta è la ruggine, visibile ad occhio nudo sulle foglie che se colpite dalla ruggine si presentano di colore bruno-rossastro. In questo caso è consigliabile staccare manualmente le foglie malate dalla pianta ed evitare di innaffiare dall’alto. L’utilizzo di pesticidi chimici non è necessario per la coltivazione della garcinia cambogia.

 

Garcinia Cambogia | L’albero dai frutti “dimagranti” ultima modifica: 2018-08-03T10:00:16+02:00 da LD

2 Risposte

  1. Bruno

    Sono un agricoltore vorrei acquistare i semi del prodotto gancinia gumina Cambogia sono disponibili a che prezzo

     
    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

No, ma dove si trova? 😃

Hai già guardato l'ultimo numero di FAI DA TE?

È GRATIS! 😱 Vai su: FAIDATE FACILE