Le fragoline di bosco, o fragole selvatiche, appartengono alla famiglia delle rosacee, sottofamiglia rosoidee, specie Fragaria vesca

Le fragoline di bosco sono originarie dell’Europa e della Siberia e diffuse in tutte le regioni del mondo, in Italia è comune ovunque. Crescono nei boschi, nelle radure e nei luoghi erbosi, dal piano a 1800 m.

Dalla specie originaria sono state selezionate varietà che producono nel corso di tutta l’estate frutti molto profumati ad aroma gradevole. Le varietà coltivabili sono ibride e vengono classificate in cultivar a frutto piccolo e cultivar a frutto grande.


fragoline di bosco

Caratteristiche

Si tratta di una pianta erbacea perenne, alta 10-20 cm, con radici rizomatose e lunghi stoloni, striscianti e radicanti, che danno origine a nuove piantine. I fiori sono formati da 5 petali bianchi.

Il frutto è in realtà un falso frutto: è costituito dal ricettacolo fiorale che si accresce e si fa succulento.

Fragoline di bosco coltivazione

Il terreno ideale per la coltivazione della fragolina di bosco deve avere un pH ottimale di 5,5-6,5, essere sciolto e ricco di sostanza organica. È possibile comunque ottenere ottimi risultati in quasi tutti i tipi di terreno purché ben lavorati e preparati.

Necessita di acqua in quantità moderate, ma costanti, in particolare dopo il trapianto e durante la produzione dei frutti.

La distanza ottimale tra le file è di circa 125 cm; le piantine vanno distanziate di 35 cm se in fila doppia, 15-20 cm se in fila semplice.

fragolina

La giovane piantina di fragola di bosco con i suoi bianchi fiori a cinque petali. Si tratta di una pianta molto resistente che si riproduce autonomamente e che spesso va limitata nella sua invadenza.

Un tubo di irrigazione poroso, steso lungo la fila delle fragole, bagna la terra in modo uniforme e continuo.

Formiamo una sacca nel terreno in cui mettere a dimora la pianta. Usiamo un trapiantatoio infilato a una profondità adeguata per le radici.

fragolina

Posizioniamo con attenzione la piantina nella buca, avendo cura di tenere le gemme fuori dal terreno e le sommità delle radici ben coperte di terriccio.

Ricopriamo il fragoleto con l’apposito foglio di plastica nera da cui facciamo fuoriuscire le piantine.

Nel bidone sul balcone

La fragola si presta bene anche a coltivazioni minime, come in vaso. Ma, grazie alla sua produzione di stoloni che radicano autonomamente, possiamo anche lanciarci in coltivazioni più ardite.

fragoline di bosco

L’idea è quella di utilizzare un bidone di recupero di plastica, riempirlo di terra e praticarvi dei fori, con la sega a tazza, sulla superficie laterale. In questi fori (ma non in tutti) collochiamo le piantine di fragola che, sviluppandosi, produrranno gli stoloni, i quali verranno inseriti nelle porzioni di terreno lasciate libere dai fori non utilizzati. Segniamo sulla superficie laterale del bidone i punti in cui vanno praticati i fori. Utilizziamo per questa operazione una punta metallica che possa incidere leggermente la plastica.

Utilizzando la sega a tazza (ø 30 mm) realizziamo le aperture in corrispondenza dei segni precedentemente effettuati.

Prima di effettuare il trapianto, puliamo ogni singola piantina acquistata (o recuperata dal diradamento).

Inseriamo le piantine con le loro radici all’interno dei fori, premendo leggermente con le dita.

Completiamo il trapianto delle piantine inserendole anche nella porzione di terreno nella parte superiore del bidone.

A trapianto ultimato irrighiamo e cerchiamo di mantenere umido il terreno anche durante le settimane successive.

Propagazione per stolone

Il fusto dà̀ origine a germogli secondari. Da questi si formano le gemme, da cui originano altri germogli secondari detti stoloni.

stolone fragolina

Tali filamenti si estendono dando vita, sulla propria estremità, a rosette di foglie che, a contatto col terreno, sviluppano un nuovo apparato radicale.

fragoline di bosco stolone

Inseriamo gli stoloni nei fori lasciati liberi.

fragoline di bosco

Dopo qualche tempo, dai fori in cui abbiamo inserito gli stoloni, spunterà una nuova piantina di fragola, pronta a regalarci altri frutti.

L’impianto va effettuato tra marzo e giugno. La raccolta si effettua per tutta l’estate, in funzione del soleggiamento.

Fragoline di bosco ricette

Le fragole di bosco si prestano a numerosissime preparazioni e presentazioni, sia come frutti singoli sia come componenti di elaborazioni più complesse. Dato il loro ricco contenuto di vitamine si propongono come ideali componenti di colazioni estive.

fragoline di bosco ricette

Nell’immagine è rappresentata una preparazione a base di sfogliatelle a forma di cuore sulle quali viene spalmata una crema a base di panna acida  (o yogurt) mescolata con miele in cui sono collocate fragoline e lamponi. Alcune fragoline di bosco vengono parzialmente immerse nella crema per offrire anche una piacevole composizione cromatica.

Fragoline di bosco prezzo

I prezzi al produttore si aggirano attorno ai 5-6 euro al kg.

Fragoline di bosco | Caratteristiche e coltivazione ultima modifica: 2019-09-12T15:00:33+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio