La crassula è una pianta originaria del Sudafrica, presente in moltissime varietà e che si adatta molto bene alla coltivazione in vaso

Se vogliamo una pianta facile da coltivare la Crassula fa sicuramente al caso nostro. Ne esistono ben 300 varietà, ma sono essenzialmente tre quelle che più comunemente vengono coltivate e vendute.

Crassula pianta

Genere di piante grasse e succulente originarie del Sudafrica, le varietà della crassula sono tutte appartenenti alla famiglia delle Crassulaceae.

Il nome, derivante dal latino (“grasso”),  e si riferisce alla struttura fogliare di questa pianta: molto carnosa, “spessa” e ricoperta da una leggera peluria che le garantisce un’adeguata protezione dai raggi solari. Il fusto è carnoso e agisce da serbatoio d’acqua.

Un esempio di crassula fiorita.

Le dimensioni variano da piccole succulente a grandi arbusti; i fiori, di solito molto piccoli, spuntano in piatti corimbi terminali, nei colori dal bianco e rosa al giallo, al verdastro e rosso intenso. Alcune varietà hanno le radici tuberose. 

La fioritura, a seconda della specie, avviene tra marzo e settembre.

Le principali varietà di Crassula

  • La crassula arborescens è un’ottima pianta da vaso. Cresce fino a 3 m e ha foglie verde-grigiastro, arrotondate, soprattutto carnose e piatte, con margini rossi. I fiori di questa specie appaiono fragili in contrasto con le grandi foglie carnose, e sono di un colore biancastro.
  • La crassula ovata, invece, nota anche come Albero di Giada (in oriente, per la credenza diffusa di essere portatrice di allegria e prosperità) è simile all’arborescens ma più piccola, con foglie oblique, verde scuro e lucide. I fiori assumono colorazione rosa-bianco.
  • La crassula portulacea, si differenzia dalle altre per il fusto carnoso in grado di raggiungere un diametro di 7-8 cm alla base. Le foglie sono poste a cespuglio in cima, quasi da ricordare un albero in miniatura. In Italia, specie al Sud, raggiunge un’altezza di 1 m contro i più di due metri del suo habitat naturale.

Crassula coltivazione

Esposizione

Tutto il genere preferisce un’esposizione diretta al sole. Consigliamo di coltivarla in appartamento, a temperature relativamente miti (21 °C) e mai al di sotto dei 7 °C. D’estate rimuoviamola dalla luce diretta durante le ore più calde: i raggi solari possono bruciare il fogliame e i fusti.

Tipo di terreno

Il terreno deve essere ben drenato, in modo da garantire un buon flusso d’acqua. Evitiamo i ristagni idrici.

Messa a dimora

Coltiviamo le specie in vasi da 15 ai 20 cm: sono piante piccole che non richiedono grossi spazi.

Irrigazione

Annaffiamo la crassula regolarmente in primavera/estate.  In inverno non è necessario bagnarla, a volte si possono addirittura sospendere le irrigazioni per poi riprenderle in primavera. Forniamo acqua a temperatura ambiente o piovana.

Concimazione

Concimiamola mensilmente durante il periodo di fioritura, generalmente tra aprile e agosto. Utilizziamo una composta costituita da fosforo e potassio in quantità importanti, magnesio e rame in quantità lievemente minori.

Propagazione

Possiamo procedere per semina o per talea. Per la prima, prendiamo un seme, interriamolo in terriccio miscelato di torba e sabbia, annaffiamo e lasciamo la composta in ombra controllando che la temperatura si attesti intorno ai 20 °C. Successivamente, alla comparsa delle radici, possiamo proseguire con il rinvaso.

Per talea, recidiamo un ramo a circa 8 cm e selezioniamo qualche foglia. Interriamo, annaffiamo regolarmente in un periodo consigliato tra maggio/luglio, a pieno sole.

Crassula proprietà

La crassula ha un buon potere di assorbimento dell’inquinamento elettromagnetico: agisce con un’azione depurativa dell’aria. Un’ideale pianta antismog.

Crassula malattie e cura

Il parassita che più attacca la crassula è la cocciniglia: per combatterla basta eliminare il ramo o le foglie colpite (se in presenza di invasione evidente, utilizzare insetticida). Attenzione anche alla formica, portatrice di diversi microrganismi nocivi: applichiamo sistematicamente un antiformiche sul terreno.

Crassula | Varietà principali e coltivazione in vaso ultima modifica: 2017-12-22T15:32:25+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata