Il cedro è il più noto arbusto ornamentale sempreverde: ecco le sue varietà e come coltivarlo

Il cedro è originario del Nord Africa, del Mediterraneo e dell’Himalaya occidentale, due delle quattro varietà strettamente imparentate del cedro sono tra le più comuni ornamentali sempreverdi grandi. Appartenente alla famiglia delle Pinaceae, la sua caratteristica principale sono le foglie aghiformi, a spirale densa sui ramoscelli corti e sparse sui getti principali dei rami.

Cedro albero

Ha pigne singole, erette e quasi lisce, coperte di larghe scaglie serrate e piatte, e gli strobili, lunghi circa 10 cm, che nascono singolarmente sui ramoscelli corti. Per la loro simmetria, colore, consistenza, resistenza e immunità da parassiti e malattie, i cedri sono una grande risorsa per il giardino. Essendo più veloci a crescere di molte altre grandi conifere, sono più diffusi nelle zone miti.


Cedro del libano

Cresce spontaneo sulle montagne di Libano, Siria e Turchia settentrionale. Le foglie di questa varietà sono lunghe 1,5-2,5 cm, i coni sono un po’ più lunghi. Sviluppa una forma ampia, piatta in cima, con enormi rami inferiori. Non è coltivato come le altre specie, se ne trovano esemplari in giardini grandi e antichi.

Il più diffuso e famoso c. del libano

Cedro deodara

È la varietà a crescita più rapida e la migliore per le zone miti costiere, sebbene adatta anche a quelle più fredde. Ha gli aghi e le pigne più grandi delle altre specie e le estremità di rami e ramoscelli principali sono piuttosto ricadenti. Invecchiando, la chioma di questi alberi si allarga e i rami tendono a diventare più orizzontali.

Gli aghi caratteristici della versione deodara.

Coltivazione

Esposizione

Coltiviamolo in pieno sole o ombra parziale, lontano da altre piante, preferibilmente in zone con inverni freschi.

Tipo di terreno

Applichiamone uno fertile, leggero, che consenta un ottimo drenaggio. Ne suggeriamo quindi uno acido, sabbioso e ricco di humus.

Irrigazione

Annaffiamo abbondantemente al momento successivo l’impianto, poi riduciamo a interventi settimanali senza creare ristagni o troppa umidità.

Concimazione

Se coltivato in vaso, in primavera cospargiamo la superficie del terreno con letame maturo, con successiva sarchiatura; in piena terra, prima di interrare la zolla, arricchiamo il terreno con un “mix” equilibrato di letame maturo e ulteriore terriccio fertile e sabbia.

Propagazione

Propaghiamolo per seme raccogliendo i coni maturi in inverno e tenendoli al caldo finché non tenderanno ad aprirsi per far cadere i semi. Quest’ultimi raccomandiamo si piantarli subito in serra fredda. Malattie e cura.

Malattie e cura

Sono piante immuni e parecchio resistenti, anche alle avversità climatiche.

Proprietà

Il legno di questo albero viene principalmente trattato per la costruzione delle frecce nell’arcieria tradizionale e per la realizzazione delle scatole per i sigari.

Cedro | Ornamentale sempreverde: varietà, legname e coltivazione ultima modifica: 2018-01-16T14:54:15+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio