La Gloriosa è una pianta rampicante originaria dell’Africa tropicale e dell’India: ecco come coltivarla

Appartenente alla famiglia delle Colchicaceae, la Gloriosa è un genere di rampicanti noto soprattutto per la produzione di fiori meravigliosi, spesso nella combinazione di rosso e giallo. Conosciuta anche come Giglio rampicante, è importante munirsi di un graticolato per il suo sviluppo.

Gloriosa pianta

I fiori hanno petali con margine ondulato, ma è la sua struttura a essere estremamente affascinante: si arrampica infatti con i viticci che si estendono dagli apici delle foglie. Tende a seccarsi fino alle radici carnose in autunno, mentre entra in riposo vegetativo fino a primavera.

I petali solcati e ricurvi dei fiori del giglio rampicante creano un bell’effetto fluttuante.

Una varietà apprezzata e coltivata è la Gloriosa superba, alta fino a 2 m, con fiori rossi o porpora, bordati di giallo, prodotti in estate e in autunno. I margini dei petali sono ondulati e i fiori hanno lunghi stami prominenti. Sono molte le cultivar coltivate, la più apprezzata è la “Rothschildiana“, con fiori brillanti rossi e gialli.

Coltivazione

Esposizione

Cresce in serre. parzialmente illuminate dal sole durante l’estate. Resiste fino ai 10 °C.

Tipo di terreno

Utilizziamo un terriccio da vaso oppure una terra grassa, ben drenata.

Messa a dimora

Alla fine dell’inverno o a inizio primavera ogni tubero va spostato all’aperto in un vaso di 15-20 cm di diametro, con terriccio umido. Facciamo attenzione a non danneggiare l’estremità dei tuberi.

Concimazione

Applichiamo un fertilizzante liquido con potassio ogni due settimane, durante la stagione di crescita. Annaffiamo poco, prima che cominci a crescere, poi aumentiamo gradualmente durante lo sviluppo, ma facciamo in modo che l’acqua non sia mai troppa.

Irrigazione

Annaffiamo copiosamente fino alla fioritura, poi riduciamo la quantità d’acqua.

Fioritura

I fiori permangono per tutta l’estate: è ottima per i fiori recisi.

Malattie e cura

Le lumache attaccano i tuberi e lo scarso drenaggio o l’abbondante acqua fanno marcire sensibilmente la pianta.

Gloriosa | Il giglio rampicante: ecco la sua coltivazione ultima modifica: 2018-05-14T10:28:44+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.