Il cactus Coda di topo è una pianta grassa dall’aspetto unico, facilmente coltivabile in vaso e perfetta per casa e appartamento

La Coda di topo (nome scientifico Aporocactus flagelliformis Disocactus flagelliformis) è una pianta grassa appartenente alla famiglia delle Cactaceae. Deve il suo originale nome alla forma allungata e pendente, molto simile per l’appunto alla coda di un grosso topo. Questo cactus è originario delle Americhe, ma è stato uno delle prime specie ad essere importate nel continente europeo. Si presenta con fusti di consistenza morbida, ricoperti da sottili spine; sono pendenti e allungati, di lunghezza variabile (possono raggiungere una lunghezza 1,5 metri). Dai fusti nascono fiori grandi e di colore rosa che in seguito lasciano il posto ai frutti piccoli e di colore rosso.

La Coda di topo è una pianta dall’aspetto assai curioso, ideale per abbellire il proprio appartamento e conferirgli un tocco di originalità. Normalmente si coltiva in vaso e la si espone all’esterno solo durante la stagione calda. Nelle regioni con clima mite è invece possibile coltivarla a dimora in piena terra, purché sia ben esposta.


coda di topoColtivazione

Moltiplicazione

La propagazione della Coda di topo avviene per talea tagliando i fusti alla base e interrandoli per farli radicare. Una volta che la pianta ha messo le radici va trapiantata.

Terreno

Si consiglia un terriccio leggero, specifico per piante grasse. È fondamentale che sia ben drenato, con sabbia, ghiaia o lapillo. Questo cactus è perfetto per un giardino roccioso.

Esposizione

Predilige posizioni ben soleggiate. Teme le basse temperature: non esporre a meno di 10°C.

Irrigazione

Le irrigazioni devono essere scarse e poco abbondanti. Ad ogni modo è comunque consigliato di prestare attenzione nei mesi più siccitosi.

coda di topoConcimazione

Concimare nella fase di crescita con fertilizzante specifico per cactacee.

Malattie e parassiti

La Coda di topo teme i marciumi radicali, per cui è assolutamente necessario evitare i ristagni idrici. Inoltre questo cactus può subire attacchi da parte della cocciniglia cotonosa, che può essere contrastata con antiparassitari specifici.

coda di topo

Coda di topo | Come coltivare questo cactus dalla forma singolare ultima modifica: 2019-02-04T11:27:40+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.