Ailanto, l’altissima pianta infestante cinese dalle mille virtù

L’Ailanto (nome scientifico Ailanthus altissima) è una pianta decidua originaria della Cina, successivamente importata Europa a metà del XVIII secolo. Fa parte della famiglia delle Simaroubaceae ed è una specie infestante; tra le più aggressive.

Questo albero cresce con molta velocità e può superare facilmente l’altezza di 15 metri. Tale predisposizione dà origine ad un altro suo nome con cui è diffusamente conosciuto, ovvero l’Albero del Paradiso.


Da giovane la corteccia del tronco appare chiara, liscia e di colore grigio. Quando l’albero invecchia la corteccia tende a diventare ruvida. I rami sono invece di colore castano, tendente al rosso.

Tra le caratteristiche principali dell’Ailanto è da citare la particolare resistenza agli agenti esterni, come ad esempio l’inquinamento. Ma nonostante la sua resistenza, questo albero ha un ciclo vitale molto veloce (raramente supera i 50 anni).

Un’altra caratteristica (poco attraente) di questo albero è sicuramente l’odore poco gradevole.

ailanto

Ailanto pianta infestante

L’Ailanto fa parte della categoria delle piante infestanti; ed è una delle specie più aggressive conosciute oggi. Può crescere ovunque: tra i binari del treno, nei marciapiedi, in pieno centro abitato.

Questa sua caratteristica è dovuta alla particolare tolleranza alle condizione ambientali più difficili. Si tratta infatti di un albero in grado di crescere e sopravvivere indisturbato nelle aree urbane ad alto tasso di inquinamento. Riesce inoltre a crescere anche in presenza di poca terra, in aree aperte e in concomitanza alle sponde dei ruscelli.

La sua propagazione avviene tramite i succhioni radicali e attraverso i numerosi frutti dispersi dal vento, contraddistinti dalla rapidissima capacità germinativa. Si pensi che durante la sua vita un solo albero è in grado di produrre migliaia e migliaia di semi.

Come combattere l’infestazione

L’eliminazione di questa pianta infestante non è semplice. L’Ailanto infatti prende possesso degli ambienti urbani con una facilità e rapidità da rappresenta un vero e proprio problema.

Innanzitutto è sconsigliabile provvedere ad una rimozione manuale della pianta, in quanto ciò comporterebbe una sua proliferazione.

Una soluzione di breve termine può essere l’utilizzo del fuoco, che indebolisce pianta e radici, ma non ne blocca la germinazione, rinviando di fatto la ricrescita ad un secondo momento.

È invece possibile estirpare queste infestanti facendo ricorso a diserbanti specifici, in grado di interrompere il ciclo di vita della pianta.

Ailanto proprietà

L’Ailanto possiede svariate proprietà sfruttate dalla medicina cinese del passato. Ecco di quali si tratta:

  • contro ascessi e pruriti
  • trattamento di disturbi mentali
  • contro la calvizie

Attualmente la moderna medicina cinese impiega la corteccia che possiede proprietà:

  • astringenti
  • contro la diarrea
  • stimolanti
  • combatte le malattie da raffreddamento
  • contro asma ed epilessia

Nonostante le numerose proprietà benefiche va tenuto presente che questa pianta è interessata da una certa tossicità. Per questo è considerata velenosa.

Ailanto miele

Se in Cina questo albero è considerato una pianta ornamentale, in Italia è impiegato soprattutto per la produzione di miele. Il suo sapore è simile all’uva moscata, con un intenso sentore di fico. Il gusto è particolarmente deciso, per questo ideale per la preparazione di dolci o per addolcire tè o tisane.

Ailanto foto

ailanto

Ailanto, l’albero del paradiso infestante | Consigli utili per la disinfestazione ultima modifica: 2019-01-07T16:39:50+01:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio