Il genere Liquidambar è noto per i suoi grandi alberi piramidali dalla bellezza del fogliame autunnale, che varia di toni del giallo ocra all’arancio

Appartenente alla famiglia delle Hamamelidaceae, il Liquidambar è uno dei pochi alberi decidui a produrre bei colori autunnali nelle zone miti. La resina aromatica di alcune varietà viene utilizzata in profumeria e in medicina, così come il legname apprezzato e impiegato in costruzioni. Raggiunge globalmente i circa 10 m di altezza.

Liquidambar albero

Sono note tre varietà, le più apprezzate e coltivate. La liquidambar styraciflua, dagli Stati Uniti orientali, ha portamento da ampio a espanso e raggiunge i 30 m di altezza. Ha foglie con 5-7 lobi che cadono dopo le altre varietà. La liquidambar orientalis, nativa del sud-ovest, ha foglie grossolanamente dentate, a cinque lobi, che si colorano in autunno. Da questo albero si ricava lo storace, la resina che si ritiene corrisponda al balsamo di Gilead, citato nella Bibbia.

Il fogliame di queste varietà cambia spesso colore durante la stagione autunnale.

La liquidambar formosana, invece, originaria del Taiwan, cresce fino a 12 m di altezza nelle condizioni ideali e ha grandi foglie trilobate, dall’apice color bronzo nelle piante giovani.

Coltivazione

Esposizione

Cresciamoli in pieno sole, ma anche la mezz’ombra può produrre risultati soddisfacenti. La L.styraciflua sopporta i freddi intensi anche oltre i -15°C, mentre le altre varietà almeno fino i -5 °C.

Tipo di terreno

Scegliamone uno comune da giardino fertile e ben drenato, ricco di torba e terriccio di foglie ma sufficientemente umido: non sopportano suoli aridi e poveri.

Messa a dimora

Suggeriamo di impiantarli in tardo autunno, cercando di concedere spazi “importanti” per il loro sviluppo.

Irrigazione

Annaffiamo regolarmente dopo la messa a dimora e durante il loro sviluppo, mantenendo la composta umida. Temono i ristagni idrici responsabili di marcescenze delle radici.

Concimazione

Non necessitano di particolari fertilizzazioni.

Propagazione

Si propagano per seme che può germinare dopo circa un anno. Non sopportano trapianti o rinvasi.

Proprietà

Si ottiene una particolare resina profumata, simile all’incenso, conosciuta come ambra liquida (da cui il nome spagnolo Liquidambar) che ha un aspetto generalmente nerastro. Sensibile al tatto, può essere posta su carboncini ardenti ed è principalmente impiegata nell’industria cosmetica per fissare i profumi, nelle industrie conciarie e un tempo usata come gomma da masticare.

Liquidambar | Varietà e coltivazione ultima modifica: 2018-02-22T11:22:19+00:00 da Faidate Ingiardino

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata