È detta più comunemente la “Sensitiva”, in virtù della sua capacità di reagire a stimoli esterni. La Mimosa pudica è l’ideale per ornamenti originali di giardini o terrazzi

La Mimosa pudica, detta più comunemente la “Sensitiva“, fa parte della famiglia delle Mimosaceae. È una pianta perenne caratterizzata da un fusto semi-legnoso e rami con spine. Ha la forma di arbusto che può raggiungere il metro di altezza, anche se comunemente non supera i 45 centimetri. Ha foglie paripennate di colore verde composte da tante piccole foglioline (all’incirca 15-25). Il fiore attinomorfo di colore viola è caratterizzato da numerosi stami allungati e da una corolla composta con 4 o 5 petali molto piccoli. La fioritura avviene in estate, nel periodo tra luglio e settembre. Il frutto invece ha la forma di un baccello irsuto, lungo all’incirca 2 centimetri. Questo contiene dai 2 ai 4 semi di forma tonda e dal diametro di circa 2 mm.

Questo fiore è in grado di rispondere a stimoli esterni, come vibrazioni o contatti diretti. Come reazione la pianta richiude le foglie su se stesse come meccanismo di difesa. Un comportamento affascinante che in botanica prende il nome di “tigmonastia”. Nel linguaggio dei fiori questa pianta assume il significato di “timidezza”.


La Mimosa pudica è l’ideale per chi vuole abbellire il proprio balcone o il proprio giardino con colori accesi e fiori decorativi dall’aspetto piumoso molto originale. Di seguito tutte le accortezze per coltivare la pianta al meglio.

mimosa pudica

Dettagli delle foglie

Coltivazione

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Mimosa pudica avviene tramite semina o tramite talee. Nel primo caso disporre i semi nel terriccio universale nel periodo primaverile. Nel secondo caso tagliare le talee in estate e metterle a radicare nel terriccio di torba.

Terreno

Predilige il terreno soffice e sciolto, ben drenato, ma con una certa umidità; anche se questa mimosa si adatta senza troppi problemi ad ogni tipo di terreno. Se coltivata in vaso è opportuno utilizzare il terriccio universale mescolato con torba e una parte di sabbia.

Esposizione

La Mimosa pudica apprezza la luce solare: si consiglia per l’appunto un luogo soleggiato o quantomeno semi-ombreggiato. Evitare gli ambienti troppo ombrosi.

mimosa pudicaConcimazione

È opportuno utilizzare un concime liquido per piante da fiore con componenti quali potassio e azoto. Questo concime va mescolato all’acqua delle innaffiatura nel periodo primaverile. Si consiglia inoltre di aggiungere alla base degli arbusti dello stallatico maturo: questa operazione va svolta al termine dell’inverno.

Irrigazione

La pianta va innaffiata regolarmente, dalla primavera sino all’autunno, incrementando la quantità d’acqua nei periodi di siccità. In inverno invece è opportuno diminuire le innaffiature delle piante coltivate all’aperto.

mimosa pudicaMalattie e parassiti

Questa pianta è soggetta a marciumi radicali causati da ristagni e teme alcune malattie fungine, soprattutto nei periodi di maggiore umidità. Inoltre è soggetta all’attacco di cocciniglie e afidi.

Si consigliano trattamenti antiparassitari con prodotti specifici.

Mimosa pudica: la Sensitiva | Come coltivare il fiore timido e sensibile ultima modifica: 2019-01-10T14:33:09+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio