Il Ricino (Ricinus communis) è coltivato prevalentemente nel suo habitat asiatico per l’olio ricavato dai semi, usato a scopo medicinale e nella produzione di saponi e vernici

Appartenente alla famiglia delle Euphorbiaceae, il Ricino è contraddistinto da grandi foglie verde brillante, profondamente divise, venate e molto decorative. I suoi fiori crema-verdastro, riuniti in racemi lanuginosi, compaiono in estate. È un arbusto che teme il gelo ed è generalmente coltivato come annuale, per esempio nelle aiuole estive.

Ricino pianta

Il Ricinus communis cresce fino a 2 m di altezza nei climi freschi, dove è trattato come un’annuale, e fino a 5-10 m ai tropici. I fiori non hanno petali, ma ciuffi di stami. Alcune cultivar prodotte hanno un fusto e fogliame molto colorato, spesso scanalato, con grandi foglie verdi dalle prominenti venature bianche.


Ricino coltivazione

Esposizione

Sistemiamolo in pieno sole. Nelle zone settentrionali scegliamo posizioni comunque più riparate.

Tipo di terreno

I suoli dovrebbero essere ben drenati e ben concimati. Usiamo un terriccio argilloso o universale per vasi. Se lo stiamo coltivando in un punto ventoso è bene puntellare le piante.

Messa a dimora

Teniamo i semi per una notte in acqua calda, mettiamone uno per ogni vaso di 7-8 cm di diametro con del terriccio, a 5 cm di profondità, in marzo, e teniamo a 20 °C. Le plantule appariranno entro circa tre settimane. Quando sono alte 17-18 cm, mettiamole in vasi di 15 cm di diametro. Nelle aiuole mettiamole alla distanza di 1-2 m l’una dall’altra dopo l’ultimo freddo.

Irrigazione

Annaffiamo regolarmente, ma senza creare ristagni idrici che possono determinare la marcescenza delle radici.

Concimazione

Applichiamo del concime liquido settimanalmente dall’inizio dell’estate, oppure mischiamo un concime a lento rilascio con il terriccio del vaso prima di mettervi le piante.

Propagazione

Si propaga per talee semilegnose all’inizio dell’inverno oppure in autunno.

Malattie e cura

Le foglie sono attaccate dal ragnetto rosso: inumidiamole spesso oppure ricorriamo a insetticidi sistemici.

Olio di ricino

Dai semi di questa pianta si ricava un olio essenziale particolarmente impiegato in farmacia per il trattamento dei capelli sfibrati e secchi, ma soprattuto per le sue proprietà emetiche (stimolanti il vomito) fortemente lassative.

L’olio di questa pianta ha proprietà fortemente lassative.

Ricino | Dall’olio alla pianta, ecco come coltivarlo ultima modifica: 2018-03-07T11:24:55+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio