Il Carpinus betulus è una varietà del genere Carpinus, composto generalmente da alberelli e arbusti dal fusto scanalato e dalla corteccia liscia e grigia

Il Carpinus, noto anche come carpino bianco, appartenente alla famiglia delle Corlyaceae, è un genere di alberelli e arbusti che per forma e struttura sono molto simili alle betulle. Il carpinus betulus è la varietà più comune e apprezzata non solo per la facilità di coltivazione, ma soprattutto per il suo impiego in giardino: è ideale sia come siepe sia come pianta singola.

La pianta e la varietà

Tutto il genere è contraddistinto da foglie alterne seghettate, amenti di minuscoli fiori unisessuali e grappoli di frutti alati secchi. Il c.betulus è un albero di 10-15 m, spesso capitozzato, con gemme e foglie simili a quelle del faggio e il tronco ruvido e scanalato. In autunno le foglie diventano bruno-dorate e restano attaccate per tutto l’inverno, per cui è ideale come siepe. Rende particolarmente bene in terreni gessosi.


Il carpino bianco è ideale per comporre siepi, soprattutto per il suo fogliame in autunno.

La cultivar carpinus betulus pyramidalis, invece, si sviluppa in un’agile forma piramidale, prestandosi ottimamente alle forme dell’arte topiaria. Cresce velocemente e può essere usata in alternativa al biancospino, al faggio, all’agrifoglio, al ligustro e al tasso.

Coltivazione

Esposizione

Prospera sia in pieno sole sia parzialmente in ombra, ma nel primo caso cresce più velocemente e con una chioma più densa. Suggeriamo un’esposizione a mezz’ombra, soprattutto d’estate, quando il calore troppo intenso può bruciare il fogliame. Resiste bene anche a -18 °C.

Tipo di terreno

Utilizziamo terreni pesanti, aggiungendo sabbia e ghiaia per facilitare il drenaggio.

Irrigazione

Annaffiamo solamente laddove il terreno risulti asciutto. Non esageriamo, per non creare ristagni idrici eccessivi che possono causare la marcescenza delle radici.

Concimazione

Una volta piantato, aggiungiamo al terriccio del materiale organico decomposto e pacciame.

Fioritura

In primavera assume un aspetto più decorativo dato dalla profusione di amenti (gialli nelle piante maschili e verdi in quelle femminili). Questa è una pianta che viene principalmente coltivata anche per i suoi fiori recisi che permettono di creare delle bellissime composizioni.

Propagazione

Si propaga da seme piantato in autunno, anche se non germinerà fino a primavera.

Malattie e cura

Tutto il genere risulta essere molto rustico, anche se recentemente si sono registrati frequenti attacchi della famigliola, malattia fungina che causa il marciume radicale portando repentinamente la pianta alla morte. Interveniamo, in questo caso, con un anticrittogamico ad ampio spettro.

Proprietà e usi

L’olio essenziale estratto dal fogliame è utilizzato in fitoterapia per curare le affezioni delle vie respiratorie (mucosa nasale, raffreddori, mal di gola) mediante la stimolazione nella produzione delle piastrine.

Inoltre danno un legno resistente e a grana fine, adatto nella costruzione di utensili e mobili.

Carpinus betulus | Come coltivare il carpino bianco? ultima modifica: 2018-02-14T08:53:38+01:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio