Il Sassofrasso è una pianta resistente che in autunno regala un foliage unico

Il Sassofrasso, detto anche Sassafrasso (nome scientifico Sassafras Albidum) è una pianta originaria dell’America settentrionale. Si tratta di un albero appartenente al genere “Sassafras“, della famiglia delle Lauraceae; ha foglie caduche e può raggiungere i 10 metri di altezza.

Il Sassofrasso si presenta con un fusto eretto ricoperto dalla corteccia bruna-marroncina. Le foglie, di colore verde, sono larghe e lobate (formate da 2 o 3 lobi) e danno origine a una folta chioma disordinata. In autunno l’albero si tinge di sfumature arancioni e gialle, regalando al giardino un’atmosfera unica. I frutti, prodotti nella stagione estiva, solo dalle piante femmine, sono bacche carnose e di colore blu.


sassofrasso

La chioma di quest’albero in autunno assume bellissimi colori caldi

Coltivazione

Moltiplicazione

Avviene per seme quando nel periodo autunnale i frutti sono maturi. La moltiplicazione può avvenire anche tramite talee che si possono ricavare dai succhioni basali.

Terreno

Questa pianta non necessita di terreni particolari; cresce bene in ogni tipo di suolo, anche in ambienti sassosi. L’ideale è un terreno sciolto e ben drenato.

Esposizione

Il Sassofrasso si adatta con facilità a diverse condizioni climatiche e di illuminazione. Essendo una pianta rustica resiste anche agli inverni più rigidi e può essere posizionate anche in giardini con esposizione poco favorevoli. Inoltre non teme il caldo afoso estivo.

Irrigazione

Essendo particolarmente resistente non necessita di innaffiature e normalmente si accontenta dell’acqua piovana. Tuttavia gli esemplari più giovani vanno innaffiati in estate, avendo cura di evitare ristagni di acqua che possono causare marciume radicale.

sassofrasso

Malattie e parassiti

Essendo un albero molto resistente di norma non è soggetto a malattie o all’attacco da parte di parassiti. Tuttavia laddove un esemplare risultasse particolarmente delicato e più incline all’attacco di parassiti è opportuno intervenire nel periodo primaverile con antiparassitari ad ampio spettro in grado di difendere la pianta.

Proprietà e utilizzo

Dalle radici del Sassofrasso si ricava un olio essenziale impiegato come profumo per saponi o come componente di alcuni farmaci. Attenzione: l’olio di Sassofrasso contiene safrolo (composto aromatico che ha una forte tossicità). Infine la corteccia essiccata ha proprietà diuretiche e disinfettanti per l’apparato urinario.

sassofrasso

Particolare della foglia di Sassofrasso

Sassofrasso: l’albero dalla bellissima chioma | Come si coltiva ultima modifica: 2019-01-15T09:54:23+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio