I piselli appartengono alla famiglia delle leguminose, e sono molto  utilizzati in cucina

I frutti dei piselli sono baccelli con numerosi semi commestibili di forma più o meno globosa, verdi, gialli o biancastri.  Si coltivano su qualsiasi terreno che non sia calcareo o che presenti ristagni d’acqua.
La semina all’aperto si effettua in primavera in solchetti profondi circa 5 cm.
I semi si dispongono a 2-3 cm di distanza tra loro.
Quando le piantine raggiungono gli 8-10 cm di altezza devono essere sostenute per impedire la caduta sul terreno e l’attacco da parte di lumache e chiocciole.
Le varietà rampicanti richiedono per la loro crescita il sostegno di reti, solitamente di plastica.
Nei periodi di siccità è bene irrigare costantemente i filari.
I piselli si raccolgono quando sono ben sviluppati, ma prima che si restringano nel baccello.

coltivazione piselli

  1. Seminiamo i piselli in larghi solchi profondi circa 5 cm. Se coltiviano in più file lasciamo 50 cm tra le file di piselli nani; 80 cm per i semirampicanti e 100-120 cm per i rampicanti.
  2. Quando le piantine raggiungono un’altezza di 8-10 cm rincalziamole abbondantemente. Per aiutarle a sostenersi posizioniamo tutori a cui leghiamo le piantine.
  3. Le varietà semirampicanti e rampicanti vanno sostenute con tutori e reti in plastica per consentire alle piante di raggiungere l’altezza definitiva senza che si spezzino.
  4. Quando i baccelli raggiungono la maturazione aspettiamo che si gonfino poi, quando sono formati ma non ancora maturi, raccogliamoli staccando il baccello.

UTENSILI
Zappa, rastrello, tutore, rete

Coltivare i piselli ultima modifica: 2016-07-04T08:39:57+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.