Cosa piantare a giugno? Il primo mese d’estate e luglio sono mesi di intensa attività nell’orto: uno dei lavori più impegnativi riguarda l’irrigazione, che deve essere effettuata con regolarità. E le semine…

Cosa piantare a giugno nel proprio orto? La scelta c’è e non è limitata, anzi: barbabietole, cavolini, cavolfiori, rucola, catalogna, cardi, carote, pomodori, peperoni dolci, finocchi. Tuttavia, nel mese di giugno e in quello di luglio occorre considerare alcuni aspetti chiave, per mantenere il nostro orto sano e bello.

Orto giugno: irrigazione, concimazione, pacciamature

Pacciamare le coltivazioni con teli plastici. Seminare bietole, fagiolini nani, finocchio, radicchio, cicoria. Nel frutteto molte specie come le pesche, le ciliegie, alcuni tipi di pere e mele vanno a maturazione. La raccolta è uno dei lavori più importanti, da eseguire con cura, preferibilmente al mattino.

Il pacciame è un’ottima soluzione per continuare il processo di umidificazione del terreno.

Ridurre le concimazioni e le potature, ma non le irrigazioni che devono essere effettuate preferibilmente il mattino presto o la sera, dopo il tramonto, per evitare perdite per evaporazione e sbalzi di temperature pericolosi per le piante. Evitare di inzuppare il terreno; l’acqua deve drenare e il terreno attorno al colletto (zone dove le radici si inseriscono sul fusto) deve restare fresco, non fradicio. Per conservare umidità a livello del suolo pacciamare le piante con corteccia di pino, lapillo vulcanico, teli anti-alga, tessuto non tessuto, paglia, sfalci d’erba, foglie ecc.

Mentre invece le piante aromatiche, di norma, non necessitano di particolari protezioni dai raggi solari, ma nei periodi di maggior irraggiamento possono risultare utili leggere protezioni da realizzare con stuoie o reti ombreggianti, almeno per le colture più sensibili e delicate.

Proteggere le colture

Insetticidi e antiparassitari sono comunque sostanze chimiche: se da un lato preservano le nostre colture dai fastidiosi animaletti, dall’altro vanno utilizzati con cautela e può essere che un uso improprio produca risultati peggiori, anche per la nostra salute, come intossicazioni o allergie.

Esistono piccoli trucchi naturali, collaudati da più generazioni, forse non utilizzabili per produzioni industriali, ma efficaci ed ecologici per esigenze familiari. Bisogna però informarsi su ciò che si rivela più indicato per le diverse specie e intervenire nei periodi dell’anno o nelle situazioni climatiche in cui esse manifestano maggiormente la loro attività, preservando noi stessi senza interferire con l’ambiente.

Le lumache tendono spesso a far visita alle nostre colture…

Fascia al tronco

Nei confronti di afidi e formiche, che attaccano gli alberi, si ottiene una barriera avvolgendo il tronco con una fascia alta circa 10 centimetri impregnata di vischio.

 

Rete a maglie fitte

La struttura è realizzata con centine in tondino di ferro e ricoperta con una rete a maglie fitte: preserva gli ortaggi dai possibili attacchi di farfalle e altri insetti nocivi.

 

Insetti vari

Non gradiscono la presenza dei gerani; se alcuni vasi non sono sufficienti, possiamo collocare sul davanzale mazzi di melissa o candele fumogene.

Insetti dannosi

Molti insetti pericolosi per le piante, ma anche per le persone, si possono catturare mettendo acqua zuccherata in un recipiente provvisto di un’apertura in alto.

Le lumache

Per attirarle e tenerle lontane dalle foglie d’insalata si può preparare un recipiente con una miscela di acqua e birra in parti uguali da collocare nelle vicinanze dei cespi. Ottimo anche il blu di metilene in granuli.

Lavori nell’orto: guerra alle infestanti

Le erbe infestanti sembra abbiano sette vite: le estirpiamo e ritornano più numerose di prima. Il sistema migliore per vincere la partita consiste nel trattarle con il giusto diserbante. Abbiamo diverse alternative: se l’erbaccia nasce tra altre piante e fiori possiamo aggredirla con spruzzi mirati, mentre se ricopre totalmente una superficie trattiamo questa con un diserbante sparso su tutta l’area. Possiamo addirittura impedire che le erbacce nascano irrorando un’area con particolari composti “antigerminello” che ne inibiscono la crescita.

Le infestanti, d’estate, fanno la loro parte…

Come intervenire

Uno spruzzo mirato di diserbante permette di trattare ogni erbaccia singolarmente risparmiando le piante circostanti.

Una superficie totalmente infestata si irrora con un diserbante totale che può essere di tipo liquido o granulare da sciogliere in acqua.

Cosa seminare nell’orto: il mese degli zucchini

Gli zucchini hanno bisogno di terreno umido e ricco; al momento del trapianto è necessario fare uno scavo profondo e ampio in modo da facilitare la raccolta di acqua a ogni irrigazione. Nelle varietà rampicanti, quando hanno prodotto 4-5 foglie, cimiamo le piante in modo che producano 3-4 getti laterali. Ogni quindici giorni è utile somministrare un fertilizzante liquido, senza però esagerare per non favorire un’eccessiva crescita dell’apparato fogliare.

Nei mesi più caldi (luglio-agosto) innaffiamo solo durante le ore serali. La pianta produce fiori femminili e maschili: quest’ultimi raccolti al mattino, quando sono aperti, si utilizzano in cucina per preparare fritture.

Nutrire il pesco…

Il pesco, rispetto ad altre piante da frutto, necessità di maggiori quantità d’azoto che dobbiamo apportare durante la prima fase di accrescimento dei frutti in estate. La corretta nutrizione è un elemento fondamentale per elevati livelli produttivi e qualitativi; essa deve tenere inoltre conto delle condizioni del terreno, da preparare con un’abbondante concimazione organica. Per ottenere frutti di pezzatura adeguata è necessario eseguire un diradamento in modo da avere un rapporto equilibrato fra numero dei frutti e vigore vegetativo della pianta.

Cosa piantare a giugno? | I lavori dell’orto nei mesi estivi ultima modifica: 2018-06-11T11:57:52+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata