Il Prunus spinosa è un arbusto da siepe dalla bella chioma, con fiori profumati e frutti gustosi

Il Prunus spinosa, meglio conosciuto come pruno selvatico (o susino, o prugnolo selvatico), è un arbusto appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Si tratta di una pianta rustica spontanea, diffusa in Europa, Asia e Africa, molto resistente al clima rigido e all’inquinamento.

Si presenta con rami spinosi e contorti di colore marrone, tendente al grigio; da questi si sviluppa una chioma espansa con foglie di colore verde con la pagina inferiore più chiara e leggermente pelosa. I fiori sono di colore bianco con 5 o 6 petali e producono un aroma molto piacevole.


prugnolo selvatico

frutti, anche detti prugnole, sono bacche rotonde di colore blu che maturano durante la stagione autunnale; si tratta di una prugna selvatica dal sapore leggermente aspro, ma molto gustoso. Se raccolte a fine gennaio hanno un sapore più dolce a seguito delle gelate. Questi frutti sono utilizzati anche per produrre il liquore di prugnolo selvatico.

Il prunus spinosa è spesso coltivato come pianta da siepe nei giardini e nei parchi pubblici per via dei bei fiori e della chioma.

Coltivazione

Moltiplicazione

Il prunus spinosa si propaga per talea in autunno e all’inizio della primavera. Si procede prelevando una porzione apicale della pianta tagliandola con cesoie ben affilati; la talea va quindi messa a radicare nel terriccio al quale va aggiunta una parte di sabbia. Quando le piante hanno messo radici le si può trasferire in vaso.

La propagazione può avvenire anche per polloni, sempre durante la stagione autunnale o a inizio primavera.

Terreno

Il prugnolo cresce bene in tutti i tipi di terreno, ma è opportuno che sia sempre ben drenato

Esposizione

Il susino selvatico predilige un’esposizione soleggiata, ma cresce bene anche in zone con semi ombra. Si tratta di una pianta Rustica molto resistente al freddo invernale e al caldo estivo.

 

pruno selvatico

Irrigazione

I prugnoli si accontentano delle piogge, sono infatti molto resistenti alla siccità. È comunque bene annaffiare costantemente nel periodo in cui producono fiori e frutti.

Concimazione

Il prunus spinosa non necessita di particolari fertilizzazioni, ma può essere d’aiuto aggiungere al substrato basale letame o concime granulare ricco di micro e macro elementi.

Potature

Non necessita di particolari potature, ma è consigliabile eliminare i rami secchi o malati. La potatura può essere effettuata in modo tale da conferire alla chioma la forma voluta.

 

susino selvatico

Malattie e parassiti

Il Prunus spinosa teme l’attacco la parte di afidi e cocciniglia. Questi possono essere eliminati con l’aiuto di un batuffolo di cotone imbevuto nell’alcool, oppure tramite l’ausilio di antiparassitari specifici.

 

Prunus spinosa, l’arbusto da siepe dai frutti gustosi | Coltivazione ultima modifica: 2019-04-09T09:25:53+00:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS!!!