Il melo (Malus domestica) è uno degli alberi da frutto più coltivati. Appartiene alla grande famiglia delle Rosaceae, sottofamiglia Pomoideae, genere Malus. L’albero di mele fruttifica abbondantemente a condizione che la varietà e la “forma” scelti siano adatti al luogo. Il terreno ideale per impiantare un melo è umido e leggermente acido, ben drenato e non troppo calcareo. È importante collocarlo in un luogo soleggiato, ma riparato dai forti venti che potrebbero danneggiare la fioritura. Il periodo migliore per la messa a dimora è la primavera, ma si può impiantare anche in inverno a condizione che non geli.

Nei primi due anni dall’impianto assicuriamoci che il terreno non diventi troppo secco. Interveniamo vangando e arieggiando la terra circostante la pianta ed effettuando irrigazioni (non troppo abbondanti) nei periodi più caldi. Concimiamo in inverno con solfato di potassio e in primavera con solfato di ammonio. Le potature del melo vanno fatte nei primi anni per dare all’albero una forma opportuna e per assicurargli una buona produttività.

Una mela è matura quando si stacca facilmente dalla pianta unita al suo peduncolo con una leggera torsione. Non tutte le mele dell’albero maturano insieme, quindi non spogliamo completamente la pianta non appena vediamo alcuni frutti pronti al raccolto.

Un aiuto concreto per la raccolta ci viene dall’asta regolabile alla cui estremità è posto un gancio con cui scuotere la frutta matura dall’albero; oppure utilizziamo il raccoglifrutta snodato dotato di bordo dentellato che facilita la raccolta senza strappi. I frutti, se conservati correttamente, si mantengono bene ed abbastanza a lungo.

Varietà di mele

Golden Delicious

Caratterizzata da una gustosa polpa giallina piacevolmente croccante e succosa, gradevolmente aromatica e con inconfondibili qualità gustative.

Renetta

La polpa è carnosa e acida quando è acerba, ma se giunge a maturazione diventa fine, gentile, butirrosa e saporita, e non conserva del suo acido che quanto le è necessario.

Red Delicious

Polpa bianco crema, mediamente dolce, poco acida, croccante, abbastanza aromatica, con tessitura media. è buona da mangiare cruda, ma idonea anche alla preparazione di macedonie, dessert, strudel e torte.

Stark Delicious

Polpa di colore bianco crema; fine, fondente, succosa, dolce, poco aromatica, poco acida e di gusto assai gradevole. Fuori frigo in poco tempo diventa farinosa e poco succosa.

Granni

Conosciuta come “mela verde” è scarsa di zucchero e molto acida. Polpa soda, croccante, molto succosa e acidula, poco dolce e poco aromatica.

Annurca

Famosa per la polpa croccante e compatta, gradevolmente acidula e succosa, aromatica e profumata, di buone qualità gustative.

Il frutto si presenta del tipico colore rosso con epidermide liscia, cerosa, piuttosto rugginosa nella cavità peduncolare.

Come piantare il melo

Scaviamo una buca profonda 50-70 cm, poniamo sul suo fondo alcuni rametti tagliati a pezzi con letame e terra. Copriamo il tutto con alcuni centimetri di terriccio.

piantare il melo

Poggiamo l’apparato radicale della pianta e tagliamo la reticella che lo contiene, asportandola.

Sulla parte superiore collochiamo un poco di sabbia che mescoliamo con la terra per impedire a questa di indurirsi e formare una crosta dopo le prime innaffiature.

Bagniamo leggermente il terreno e premiamo per bene per compattare la terra dentro la buca.

Nelle prime settimane può essere utile conficcare un tutore che mantenga la pianta ben in verticale. Irrighiamo abbondantemente dopo aver formato un arginello di contenimento.

Melo albero piantato

Come potare il melo

Quando la pianta si sviluppa va sostenuta con cavi ben tesi e potata in modo opportuno. Le potature servono per formare una chioma regolare e irrobustire i rami. Nel disegno sono segnalate in colori diversi le potature che hanno finalità diverse.

Potatura del melo

Potatura del melo

  • Giallo: accorciamento delle branche;
  • rosso: accorciamento delle branche troppo vicine a quelle delle altre piante o sporgenti verso l’interno;
  • blu: accorciamento delle branchette per favorire la produzione dei frutti.

Malattie del melo e cure

Una mela sana non presenta macchie né sulla buccia né all’interno della polpa. In alcuni casi, però, il melo è soggetto a tipiche malattie.

Ttra le più frequenti vi è la presenza di cimici (Nezara viridula) che con le loro punture provocano marciumi all’interno della polpa. Intervenire con trattamenti a base di insetticidi.

La ticchiolatura rappresenta la maggiore avversità del melo. Appaiono macchie nerastre sui frutti e sulle foglie. Si interviene con fungicidi.

La butteratura è una manifestazione dovuta a squilibri fisiologici che si rivela all’esterno del frutto con la comparsa di aree brune e ruvide al tatto. Interveniamo due mesi prima della raccolta con trattamenti a base di calcio.

Melo | Come si pianta, come si pota e come si cura ultima modifica: 2018-11-30T16:31:13+00:00 da Laila de Carolis

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.