La Lavandula stoechas è una lavanda spontanea, molto facile da coltivare, con belle infiorescenze profumate a pannocchia

La Lavandula stoechas, più comunemente conosciuta come Lavanda selvatica, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. È originaria della zona mediterranea ed è molto simile alla Lavanda officinalis.

È una pianta spontanea spesso coltivata come ornamentale nei giardini delle località di mare in quanto molto resistente alla salsedine. I fiori possono essere raccolti in mazzetti e impiegati per deodorare armadi e cassetti.


Caratteristiche

La Lavanda stoechas è una pianta semirustica con portamento cespuglioso che si sviluppa con steli eretti (sino a 1 m di altezza) dai quali crescono le foglioline sempreverdi, lunghe, aromatiche, sottili e di colore grigio-verde.

Le infiorescenze sono riunite in pannocchie all’apice degli steli; sono fiori viola-fucsia, piccoli e molto profumati. Sbocciano da tarda primavera per tutta l’estate. I frutti sono acheni contenenti i semi.

Lavanda selvatica

Coltivazione

Moltiplicazione

La Lavanda selvatica si propaga per semina disponendo gli acheni nel terriccio misto a sabbia. Se seminata in semenzaio quando le piantine sono germogliate si possono trasferire in piena terra.

Terreno

Predilige i terreni acidi, meglio se asciutti e con un buon drenaggio.

Esposizione

Ama gli ambienti illuminati con esposizioni in pieno sole. Non teme il freddo, ma è bene posizionarla in zone riparate dai venti forti.

Irrigazione

Resiste bene alla siccità, ma è comunque buona norma annaffiare la pianta nei periodi estivi più caldi e quando il terreno risulta del tutto asciutto.

Concimazione

Si consiglia di somministrare un fertilizzante bilanciato a inizio primavera per garantire fioriture abbondanti.

Potatura

Per potare la lavanda selvatica è necessario tagliare l’apice dei fusti con cesoie affilate. Questa operazione consente di dare maggior vigore alla pianta.

Malattie e parassiti

Teme l’attacco da parte di afidi e cocciniglie i quali prendono di mira gli steli posizionandosi nella parte sottostante le foglie. Per eliminarli si può tentare di rimuoverli manualmente con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, oppure utilizzando antiparassitari specifici.

Lavandula stoechas | Caratteristiche e coltivazione della Lavanda selvatica ultima modifica: 2019-05-23T14:12:44+02:00 da Faidate Ingiardino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

GRATIS

la rivista
multimediale

Leggila subito
e scarica il PDF

Un nuovo numero disponibile ogni due mesi.
Con costruzioni fai da te e idee per la tua voglia
di bricolage
e di giardinaggio